Latest News @it

Latest News

14Nov 2014

Utile netto Euro 6,3 milioni, significativa crescita dell’Ebitda e della marginalità. Approvata la proposta di allargamento del CDA da 7 a 9 membri, con l’indicazione di Sergio Agosta e Umberto Paparelli per la nomina ad amministratori da parte dell’Assemblea ordinaria degli Azionisti

• Ricavi pari a Euro 32,4 milioni (Euro 45,9 milioni al 30 Settembre 2013)

• EBITDA pari a Euro 15,3 milioni, + 71% (Euro 8,9 milioni al 30 Settembre 2013)

• Ebitda Margin 47,3% (20% al 30 Settembre 2013)

• EBIT pari a Euro 8,3 milioni, + 90% (Euro 4,4 milioni al 30 Settembre 2013)

• Utile Netto pari a Euro 6,3 milioni, + 4% (Euro 6 milioni al 30 Settembre 2013)

• PFN pari a Euro 155,6 milioni, di cui a breve Euro 16,8 milioni (Euro 135,2 milioni al 31/12/2013, di cui a breve Euro 18,2 milioni)

• Patrimonio Netto pari a Euro 55,5 milioni (53,9 milioni al 31/12/2013)

 

Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia, smart energy company attiva nei settori dell’energia da fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica, del waste e dell’energy management, quotata sul segmento Star di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, ha approvato in data odierna il resoconto intermedio di gestione al 30 Settembre 2014.

Stefano Neri, Presidente e Amministratore Delegato, ha così commentato:

I risultati del Gruppo nel terzo trimestre confermano un andamento tendenziale in linea con gli obiettivi che abbiamo anticipato alla comunità finanziaria per l’intero esercizio 2014, con una previsione di utile netto di circa Euro 6 milioni e il target di riduzione della PFN di circa un terzo. Con il riposizionamento strategico del Gruppo TerniEnergia, conseguente all’acquisizione di Free Energia e allo sviluppo del business nei settori dell’energy management e dell’energy efficiency, abbiamo impostato e già intrapreso una nuova fase di crescita come “smart energy company”, con possibilità sempre maggiori in mercati altamente competitivi. Siamo confidenti che questa impostazione strategica sia idonea a produrre positivi effetti di natura industriale e finanziaria nell’attuale contesto, contribuendo a consolidare la positiva chiusura dell’esercizio in corso”.

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

I ricavi sono pari a Euro 32,4 milioni (Euro 45,9 milioni al 30 Settembre 2013), con una diminuzione del 29,5% attribuibile in prevalenza al decremento dei ricavi da EPC fotovoltaico dovuto al ritardo nella partenza dei due cantieri del Sudafrica, causato dal rinvio del financial closing disposto dalle autorità governative sudafricane. Il contributo dell’attività ambientale e dell’attività di power generation, contraddistinte da un’elevata marginalità e da una visibilità di lungo periodo, è pari a circa il 57% del totale dei ricavi, in crescita rispetto allo stesso periodo del 2013.

L’EBITDA si attesta a Euro 15,3 milioni (+71%) rispetto a Euro 8,9 milioni registrati al 30 Settembre 2013. L’Ebitda Margin è pari al 47,3%, con una sensibile crescita rispetto al corrispondente periodo del 2013 (19,51%).

Il Risultato Operativo Netto (EBIT) risulta pari a Euro 8,3 milioni (Euro 4,4 milioni al 30 Settembre 2013), in crescita del 90%, dopo ammortamenti pari a Euro 5,9 milioni per effetto dell’aumento del numero di impianti detenuti in piena proprietà dal Gruppo (Euro 4,6 milioni al 30 Settembre 2013) e svalutazioni su immobilizzazioni immateriali, costituite da autorizzazioni acquisite in esercizi precedenti per la realizzazione di impianti fotovoltaici, per complessivi Euro 1,1 milioni.

L’utile netto, che include la quota di risultato dall’attività delle JV, si attesta a Euro 6,3 milioni, beneficiando anche di un provento fiscale derivante dall’applicazione della cosiddetta “Tremonti Ambientale” ad alcune società del Gruppo titolari di importanti parchi fotovoltaici. L’utile netto al 30 Settembre 2013 era pari a Euro 6 milioni.

La Posizione Finanziaria Netta è pari a Euro 155,6 milioni (Euro 135,2 milioni al 31/12/2013). La Posizione Finanziaria Netta non corrente è pari a Euro 138,9 milioni e ricomprende anche il prestito obbligazionario, pari a nominali Euro 25 milioni, con durata 5 anni, cedola annua del 6,875%, e rimborso in un’unica soluzione alla scadenza (mese di febbraio 2019), negoziato presso ExtraMOT PRO, segmento professionale del mercato obbligazionario ExtraMOT gestito da Borsa Italiana. La Posizione Finanziaria Netta a breve è pari a Euro 16,8 milioni. La PFN a breve al 31/12/2013 era pari a Euro 18,2 milioni.

Il Patrimonio Netto è pari a Euro 55,4 milioni (Euro 53,9 milioni al 31/12/2013), mentre il Capitale Immobilizzato si attesta a Euro 183,1 milioni, di cui 155,8 milioni è relativo a immobilizzazioni materiali. Il rapporto PFN a breve/Patrimonio Netto, pari a 0,3x, migliora in maniera sensibile, mantenendosi ben al di sotto dell’unità.

RISULTATI INDUSTRIALI AL 30 SETTEMBRE 2014

Il numero complessivo di impianti fotovoltaici costruiti da TerniEnergia dall’inizio dell’attività è pari a 273, con una capacità cumulata di circa 284,1 MWp (di cui 33,3 MWp detenuti al 100% dalla Società e 5,8 MWp in joint venture paritetiche, destinate all’attività di Power Generation). Inoltre, risultano allacciati alla rete impianti a biomasse per complessivi 1,5 MWe e 2 MWt.

La produzione complessiva di energia degli impianti in full ownership e in Joint Venture per l’attività di power generation, è stata pari nei primi nove mesi a circa 44 milioni di kWh. Per l’intero anno 2014 si stima che gli impianti di proprietà garantiranno una produzione di circa 60 milioni di kWh. Nel settore ambientale sono operativi gli impianti di trattamento e recupero degli pneumatici fuori uso (PFU), di biodigestione e compostaggio GreenAsm e, infine, di depurazione delle acque di falda di Nera Montoro.

FATTI DI RILIEVO AVVENUTI DOPO LA CHIUSURA DEL TRIMESTRE

Assemblea degli Obbligazionisti del prestito obbligazionario “TerniEnergia Euro 25,000,000.00 Notes due 2019”

11 Ottobre 2014 – L’Assemblea degli obbligazionisti del prestito obbligazionario “TerniEnergia Euro 25,000,000.00 Notes due 2019” ha espresso il consenso all’operazione di aumento del capitale sociale della società “TerniEnergia S.p.A.”, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell’articolo 2441, comma 4, del Codice Civile, riservato agli azionisti di Free Energia S.p.A., mediante l’emissione di nuove azioni ordinarie fino a n. 6.637.168, per perfezionare l’acquisizione del 100% di Free Energia, società attiva nel trading e nell’efficienza energetica. L’Assemblea ha, inoltre, approvato le modifiche dei covenants finanziari, previsti ai sensi dell’art. 8 (comma 7) del Regolamento del Prestito, per sostenere il percorso di riposizionamento del business del Gruppo TerniEnergia.

Assemblea Straordinaria degli Azionisti di TerniEnergia

13 Ottobre 2014 – L’Assemblea straordinaria degli Azionisti ha deliberato la proposta di aumento di capitale scindibile con esclusione del diritto di opzione, riservato agli azionisti di Free Energia S.p.A., mediante l’emissione di nuove azioni ordinarie fino a n. 6.637.168, per perfezionare l’acquisizione del 100% di Free Energia, società attiva nell’energy management e nell’efficienza energetica. Il prezzo di emissione delle nuove azioni è pari a Euro 2,26 per azione ed il controvalore dell’operazione è pari a Euro 15 milioni per il 100% delle azioni Free Energia. L’Assemblea ordinaria degli Azionisti ha, inoltre, deliberato l’avvio di un programma di acquisto azioni proprie.

Avviato il programma di acquisto azioni proprie

17 Ottobre 2014 – TerniEnergia ha avviato un programma di acquisto di azioni proprie ordinarie, per un numero massimo di 2.656.720, pari al 6% del capitale come risultante prima della delibera di Aumento di Capitale assunta in data 13 ottobre 2014 dall’Assemblea straordinaria, in conformità all’autorizzazione rilasciata dall’Assemblea ordinaria il 13 ottobre 2014. Il programma consente alla Società di effettuare operazioni di investimento e costituzione di un magazzino titoli, direttamente o tramite intermediari, nel rispetto delle disposizioni vigenti.

Iscritta al Registro delle Imprese la delibera di aumento di capitale a servizio dell’acquisizione di Free Energia S.p.A.

21 Ottobre 2014 – Iscritta al Registro delle Imprese la delibera di aumento di capitale a servizio dell’acquisizione di Free Energia S.p.A. approvata dall’Assemblea Straordinaria di TerniEnergia del 13 ottobre 2014. Sottoscritto per il 96,63% l’aumento di capitale scindibile di TerniEnergia riservato agli azionisti di Free Energia S.p.A., società attiva nel trading e nell’efficienza energetica. A fronte dell’aumento di capitale sono state conferite azioni Free Energia per un numero pari al 96,63% del capitale sociale della stessa al fine del perfezionamento dell’operazione di acquisizione.

Avviato il programma di acquisto azioni proprie

21 Ottobre 2014 – TerniEnergia ha avviato un programma di acquisto di azioni proprie ordinarie, per un numero massimo di 2.656.720, pari al 6% del capitale come risultante prima della delibera di Aumento di Capitale assunta in data 13 ottobre 2014 dall’Assemblea straordinaria, in conformità all’autorizzazione rilasciata dall’Assemblea ordinaria il 13 ottobre 2014.

Anticipate nuove linee strategiche, nasce la prima “Smart energy company” italiana

31 Ottobre 2014 – TerniEnergia ha anticipato alla comunità finanziaria italiana l’evoluzione di alcune linee strategiche qualitative, che saranno oggetto dell’elaborazione del nuovo Piano industriale post-Acquisizione di Free Energia S.p.A.. La presentazione è avvenuta a Milano, in Borsa Italiana, nel corso del workshop “Smart to restart industry” organizzato dal Gruppo Italeaf, holding di partecipazione e primo company builder italiano, azionista di maggioranza di TerniEnergia. Il Gruppo punta sullo sviluppo di business ad elevata generazione di cassa in Italia e al consolidamento dello sviluppo internazionale; Utile netto 2014 atteso di circa Euro 6 milioni. Confermata la politica dei dividendi e la riduzione di circa un terzo della Posizione finanziaria netta. L’evoluzione della struttura organizzativa sarà basata su 4 business lines funzionali: Technical Services, Cleantech, Energy saving ed Energy management.

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE

Il mercato globale dei settori fotovoltaico e ambientale resta contraddistinto da una forte crescita globale degli investimenti e della domanda. Per quanto attiene il mercato interno, è intervenuta la pubblicazione in G.U. del decreto attuativo relativo al cosiddetto “Spalma-incentivi” per gli impianti fotovoltaici sopra ai 200 kW. TerniEnergia, pur confermando la redditività degli impianti di proprietà, ha deciso di agire giudizialmente per far emergere i principi di illegittimità costituzionale della normativa e tutelare gli interessi della Società e degli azionisti. Il Gruppo intende, inoltre, perseguire una politica di valorizzazione del portafoglio impiantistico, mantenendone la gestione, cogliendo le opportunità garantite dalla ripresa del mercato secondario e perseguendo l’obiettivo di una riduzione della PFN di circa un terzo entro l’esercizio.

Nel settore fotovoltaico, TerniEnergia continuerà a perseguire una crescita della capacità installata, guardando a quei mercati con stabilità del sistema regolatorio ed elevata crescita economica. Inoltre, il Gruppo è alla continua ricerca di nuove opportunità in paesi con elevato potenziale di affidabilità, incrementando la diversificazione geografica della propria attività industriale.

Per quanto attiene alla realizzazione delle commesse in portafoglio in Sudafrica per un controvalore di circa Euro 147 milioni circa, il Gruppo resta in attesa delle decisioni delle autorità sudafricane per l’apertura dei cantieri. La Società continua, inoltre, il monitoraggio delle fasi di avanzamento del cosiddetto IV BID del governo sudafricano che prevede la costruzione di 8 impianti fotovoltaici per una potenza complessiva per oltre 500 MWp, nell’ambito del quale TerniEnergia stata identificata come EPC contractor per ulteriori due potenziali commesse.

Nel breve periodo, il Gruppo – in conseguenza dell’acquisizione di Free Energia S.p.A., società attiva nell’energy management con 1,3 TWh di energia fornita a clienti energivori e/o re-seller consolidati – avvierà l’integrazione a valle della catena del valore della filiera energetica, con conseguente incremento e diversificazione del fatturato. Grazie allo sviluppo delle attività di Lucos Alternative Energies, l’integrazione delle nuove attività permetterà potenziali forti sinergie e opportunità di business, che rappresenteranno il presupposto per una forte crescita dell’attività di efficienza energetica e valorizzazione della produzione energetica da fonti rinnovabili.

TerniEnergia, con l’obiettivo di dare vita alla prima “Smart energy company” industriale italiana, perseguirà l’evoluzione della struttura organizzativa su 4 business lines funzionali: Technical Services; Cleantech; Energy saving; Energy management.

La Società proseguirà, inoltre, il processo di rafforzamento del perimetro degli asset ambientali, completando un nuovo impianto per il trattamento e il recupero di “materia prima seconda” da pneumatici fuori uso (PFU) a Borgo Val di Taro (PR). Infine, è stato completato il procedimento di valutazione di impatto ambientale (VIA) relativo al nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti fluidi industriali a Nera Montoro (TR, per il quale è di conseguenza prossimo il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale.

ALTRE DELIBERE

Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia si è espresso favorevolmente circa la verifica, ai sensi dell’art. 2343-quater Codice Civile, dei valori riferiti al conferimento delle azioni di Free Energia S.p.A ricevute a liberazione dell’aumento di capitale sociale di TerniEnergia. In particolare, il CDA ha approvato la relazione attestante che nel periodo successivo alla esecuzione della delibera dell’Assemblea del 13 Ottobre 2014 che ha approvato l’aumento di capitale sociale mediante conferimento in natura, non sono intervenuti fatti eccezionali che hanno inciso sul prezzo dei valori mobiliari conferiti in modo tale da modificare sensibilmente il valore di tali beni alla data di iscrizione della delibera succitata. Il Consiglio ha, inoltre, espresso parere favorevole sui requisiti di professionalità e di indipendenza dell’esperto che ha reso la valutazione di cui all’art. 2342-ter, secondo comma, del Codice Civile.

Il Consiglio di Amministrazione, infine, in considerazione dei profondi cambiamenti avvenuti nell’assetto societario e nelle attività della Società a seguito e per effetto dell’acquisizione del Gruppo Free Energia ed in considerazione delle mutate necessità strategiche, gestionali, organizzative ha deliberato di proporre all’Assemblea l’incremento del numero dei consiglieri dagli attuali sette membri a nove membri, nel rispetto del limite massimo fissato dallo Statuto in undici membri. Il CDA ha conferito al Presidente Stefano Neri la delega a procedere alla convocazione di un’Assemblea Ordinaria degli Azionisti, tenuto conto delle modalità di nomina previste dalla legge e dallo Statuto sociale, per deliberare sull’incremento del numero dei consiglieri e procedere alla relativa nomina, fissare la durata dell’incarico e la relativa remunerazione. Il Consiglio di Amministrazione ha condiviso l’indicazione come candidati a consiglieri esecutivi del dott. Sergio Agosta e del dott. Umberto Paparelli.

Note biografiche dei consiglieri di amministrazione indicati dal CDA

Sergio Agosta è nato a Novara nel 1965 e dal 2009 al 2013 ha ricoperto l’incarico di Direttore Area Industriale Energia di Acea S.p.A., terzo operatore italiano nella vendita di energia elettrica attraverso Acea Energia (oltre 1.500.000 clienti). In tale contesto ha coordinato e diretto l’intera filiera energetica del Gruppo Acea che svolge attività di produzione, trading e vendita di elettricità e gas. Dal 2003 al 2009 è stato Amministratore delegato del GME – Gestore del Mercato Elettrico S.p.A., società pubblica che gestisce i mercati dell’energia elettrica (Borsa Elettrica – IPEX) e del gas (Mercato del gas naturale – MGAS). In qualità di Amministratore Delegato ha coordinato e gestito, con piene deleghe operative, tutti i processi industriali del GME, rappresentando anche la società in tutti i tavoli istituzionali di riferimento in Italia e all’estero. Dal 1994 al 2003 è stato Direttore generale del Gruppo Enertad, quotato alla Borsa di Milano, uno dei primi Gruppi italiani ad operare in maniera integrata nella filiera rifiuti-ambiente-produzione di energia elettrica, operando con successo in Italia e all’estero. Nel periodo ha ricoperto inoltre il ruolo di Amministratore Delegato delle finanziarie di controllo del Gruppo Enertad. E’ stato membro dei CDA di Falck S.p.A. ed Acciai Speciali Terni S.p.A. su designazione dell’azionista di riferimento. E’ stato Senior Associate M&A dello Studio Legale NCTM – Negri Clementi, Toffoletto, Montironi e Associati di Milano, membro del team della Direzione legale e M&A di Akros Finanziaria S.p.A.. E’ laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Milano ed ha partecipato alla “Summer school” della London School of Economics e al corso specialistico “Advanced Executive Programme” di general management per executives ad alto potenziale della London Business School.

Umberto Paparelli è nato a Narni (TR) nel 1953 ed è Presidente e Amministratore delegato di Free Energia S.p.A.. Dal 2003 ha ricoperto le cariche di Presidente e/o di AD in diverse aziende, principalmente del settore energetico, con le quali ha collaborato in progetti di sviluppo e di riorganizzazione e rilancio. Dal 2005 al 2010 è stato Amministratore delegato e Direttore generale di Scandolara S.p.A., multinazionale leader europea nel packaging primario, curandone l’internazionalizzazione (Russia, Svizzera e Slovacchia) e gestendo l’ingresso nel capitale sociale dell’azienda di un primario istituto di credito. Dal 1978 al 2003 ha operato, con responsabilità sempre crescenti, nel Gruppo multinazionale SGL Carbon, inizialmente nell’internal auditing e nel Controlling, poi al vertice della Global Supply Chain Management e della Direzione del personale, fino a divenire componente del consiglio di amministrazione italiano. A livello internazionale ha acquisito la responsabilità della pianificazione strategica e dei progetti speciali, guidando soprattutto ristrutturazioni e integrazioni di aziende e stabilimenti del/nel gruppo. E’ laureato in Scienze politiche all’Università di Roma “La Sapienza”.

Dichiarazione del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Dott. Paolo Allegretti, dichiara, ai sensi del comma 2 dell’art. 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

Deposito documentazione

Si informa che il Resoconto intermedio di gestione al 30 Settembre 2014 del Gruppo, approvato dal Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia S.p.A. in data odierna, sarà messa a disposizione del pubblico nelle modalità e nei termini previsti dalla normativa vigente.

 

 

TerniEnergia, costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è la prima “smart energy company italiana” e opera nel settore delle energie da fonti rinnovabili, nell’efficienza energetica, nell’energy e nel waste management. TerniEnergia è attiva come system integrator, con un’offerta chiavi in mano di impianti fotovoltaici di taglia industriale, sia per conto terzi sia in proprio anche tramite joint venture con primari operatori nazionali. La Società intende inoltre rafforzare l’attività di vendita dell’energia prodotta da fonte solare. TerniEnergia opera nel waste management, nel recupero di materia ed energia e nello sviluppo e produzione di tecnologie. In particolare, la Società è attiva nel recupero pneumatici fuori uso; nel trattamento di rifiuti biodegradabili attraverso l’implementazione di biodigestori; nella produzione di energia da biomasse; nella gestione di un impianto di depurazione biologica; nel decommissioning di impianti industriali; nel recupero di metalli da demolizione e nelle bonifiche di siti industriali; nello sviluppo e produzione di apparati tecnologici. Attraverso Free Energia, il Gruppo è attivo nell’energy management, nella vendita di energia a clienti energivori, nella realizzazione di software e servizi informatici per l’energia ed è provider di servizi amministrativi, finanziari e di gestione del credito. Opera inoltre nella gestione di impianti per la produzione di energia da olio vegetale sostenibile e tracciato e nei servizi avanzati per questo tipo di impianti. TerniEnergia, attraverso la controllata Lucos Alternative Energies, opera nello sviluppo di impianti di efficienza energetica sia in EPC sia in FTT (Finanziamento Tramite Terzi), perseguendo gli obiettivi di incremento della produzione energetica da fonti rinnovabili, di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni dettati dalla politica ambientale europea.

TerniEnergia è quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana S.p.A..

Comunicato-Stampa_TE_2014-11-14

31Ott 2014

Dopo l’acquisizione di Free Energia e in un mutato scenario macroeconomico e settoriale, il Gruppo punta sullo sviluppo di business ad elevata generazione di cassa in Italia e al consolidamento dello sviluppo internazionale

•   Utile netto 2014 atteso di circa Euro 6 milioni.

•   Confermata la politica dei dividendi e la riduzione di circa un terzo della Posizione finanziaria netta

•   4 nuove business lines: Technical Services, Cleantech, Energy saving ed Energy management

 

TerniEnergia S.p.A., società attiva nei settori dell’energia da fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica, del waste e dell’energy management, quotata sul segmento Star di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, ha anticipato in data odierna alla comunità finanziaria italiana l’evoluzione di alcune linee strategiche qualitative, che saranno oggetto dell’elaborazione del nuovo Piano industriale post-Acquisizione di Free Energia S.p.A..

La presentazione è avvenuta a Milano, in Borsa Italiana, nel corso del workshop “Smart to restart industry” organizzato dal Gruppo Italeaf, holding di partecipazione e primo company builder italiano, azionista di maggioranza di TerniEnergia.

Target economico-finanziari

Il Presidente e Amministratore delegato di TerniEnergia, Stefano Neri, ha annunciato che nel 2014 il Gruppo punta al mantenimento di un solido equilibrio finanziario e conferma una politica di dividendi orientata alla remunerazione degli azionisti.

Il target dell’utile netto per l’esercizio in corso è di circa Euro 6 milioni. TerniEnergia ha confermato l’intenzione di ridurre la Posizione finanziaria netta nell’anno in corso (2014) di circa un terzo.

Linee guida strategiche verso il nuovo Piano industriale di TerniEnergia

Le linee guida di sviluppo strategico anticipate da Fabrizio Venturi, Consigliere delegato di TerniEnergia, e da Umberto Paparelli, Presidente e Amministratore delegato di Free Energia, prevedono:

– Lancio della prima “Smart energy company” industriale italiana, attraverso il completamento della filiera energetica dalla produzione di energia da fonti rinnovabili, alla costruzione internazionale di impianti utility scale, all’efficienza energetica fino all’energy management innovativo e alla gestione di impianti per il recupero di energia e materia da risorse marginali;

–  Evoluzione della struttura organizzativa basata su 4 business unit funzionali:

Technical Services – Produzione di energia da varie fonti rinnovabili (fotovoltaico), in modo sostenibile ed economicamente competitivo, realizzazione di impianti da fonti rinnovabili (atttività di EPC e O&M);

Cleantech – Gestione efficiente degli impianti di recupero energetico e di materia da risorse marginali (biodigestione e pirogassificazione, trattamento PFU, bonifica acque) e ingresso nel nuovo business della gestione di impianti per la produzione di energia rinnovabile da olio vegetale tracciato e sostenibile e della vendita di olio vegetale.

Energy saving – Soluzioni per l’efficienza energetica illuminotecnica e industriale con tecnologie altamente innovative, attività di Esco (attraverso finanziamento tramite terzi) e Espco (epc e consulting) attraverso la controllata Lucos Alternative Energies che sarà amministrata dal management di Free Energia (Pierluigi Cernieri, Umberto Paparelli e Salvatore Pelleriti).

Energy management – Vendita energia a clienti energivori, software e servizi informatici per l’energia, servizi amministrativi, finanziari e di gestione del credito.

 

Le Slide di presentazione del workshop “Smart to restart industry” sono disponibili sul sito Internet della società nella sezione Investor Relations all’indirizzo: http://www.ternienergia.com/index.php/presentazioni-2/

 

TerniEnergia, costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, opera nel settore delle energie da fonti rinnovabili, nell’efficienza energetica, nell’energy e nel waste management. TerniEnergia è attiva come system integrator, con un’offerta chiavi in mano di impianti fotovoltaici di taglia industriale, sia per conto terzi sia in proprio anche tramite joint venture con primari operatori nazionali. La Società intende inoltre rafforzare l’attività di vendita dell’energia prodotta da fonte solare. TerniEnergia opera nel waste management, nel recupero di materia ed energia e nello sviluppo e produzione di tecnologie. In particolare, la Società è attiva nel recupero pneumatici fuori uso; nel trattamento di rifiuti biodegradabili attraverso l’implementazione di biodigestori; nella produzione di energia da biomasse; nella gestione di un impianto di depurazione biologica; nel decommissioning di impianti industriali; nel recupero di metalli da demolizione e nelle bonifiche di siti industriali; nello sviluppo e produzione di apparati tecnologici. TerniEnergia, attraverso la controllata Lucos Alternative Energies, opera nello sviluppo di impianti di efficienza energetica sia in EPC sia in FTT (Finanziamento Tramite Terzi), perseguendo gli obiettivi di incremento della produzione energetica da fonti rinnovabili, di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni dettati dalla politica ambientale europea. Attraverso Free Energia, il Gruppo è attivo nell’energy management, nella vendita di energia a clienti energivori, nella realizzazione di software e servizi informatici per l’energia ed è provider di servizi amministrativi, finanziari e di gestione del credito.

TerniEnergia è quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana S.p.A..

Comunicato-Stampa_TE_2014-10-31

22Ott 2014

Skyrobotic, società attiva nello sviluppo, progettazione, produzione in serie e commercializzazione di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto (SAPR) nelle classi mini e micro per usi civili e commerciali, parte del gruppo Italeaf, è orgogliosa di annunciare di essere stata premiata quale “Migliore Impresa Europea per l’Innovazione e la Leadership nel settore dei droni civili” nell’ambito del prestigioso “IAIR Awards 2014 – European Edition”, consegnato ai consiglieri delegati Michele Feroli e Federico Zacaglioni a Milano, nella suggestiva location di Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana.

Skyrobotic è stata premiata nell’ambito di una cerimonia alla quale hanno partecipato oltre 40 società come Philips, Subaru, BPC, Veeam Software, Deutsche Bank, Power Japan Plus, Eurasian Bank, B2X Care Solutions e durante la quale l’economista francese Thomas Piketty è stato nominato “Uomo più influente dell’anno” per il suo ultimo libro “Il capitale del XXI Secolo”.

Lo IAIR Corporate Award 2014 è stato assegnato all’azienda aeronautica italiana con la seguente motivazione: “Per essere la prima factory italiana di sistemi aerei a pilotaggio remoto, per la leadership dimostrata nel settore dei droni per uso civile curando l’intera filiera industriale: dalla progettazione all’integrazione di sistema fino alla produzione chiavi in mano di una gamma di prodotti adatta a coprire sia le esigenze di aziende che di operatori specializzati”.

Il presidente di Skyrobotic e del Gruppo Italeaf, Stefano Neri, ha così dichiarato:

Per una start up ad alto contenuto di innovazione e che vuole affermarsi sul mercato in grande crescita dei droni per uso civile come Skyrobotic, ottenere un riconoscimento di così elevato prestigio a pochi mesi dalla sua costituzione è motivo di grande orgoglio che coinvolge per intero il nostro gruppo industriale. Lo IAIR Corporate Award è uno stimolo ulteriore a proseguire nel percorso di crescita dell’azienda, che intende affacciarsi al più presto sugli scenari internazionali con una proposta interamente Made in Italy ad alto contenuto tecnologico e di innovazione. Il Gruppo Italeaf intende confermare il proprio impegno per la costruzione di una filiera di settore, creando valore per i nostri azionisti e nel contempo portando un importante contributo al sistema Paese per intercettare le opportunità di crescita e visione strategica in un settore come quello dei sistemi aerei a pilotaggio remoto con ampi margini di sviluppo nei prossimi anni”.

Gli IAIR AWARDS nascono dal comitato scientifico di IAIR e da quello internazionale della rivista Family Office insieme al team dedicato di corrispondenti provenienti da oltre 50 Paesi del mondo e specializzati negli ambiti economici, legali e finanziari. Secondo Alexa – Amazon e Google Page Rankings, gli IAIR AWARDS si posizionano al primo posto in quanto vantano visitatori più qualificati di altri premi legali e finanziari globali quali: Financial Times Wealth Monitor, The Wall Street Journal’ s Financial News, Reuters Hedgeworld, Legal 500, Chambers, IFLR 100, Euromoney, Hedge Fund Review, Expert Guides.

 

Skyrobotic S.r.l., con capitale sociale di Euro 1.030.000, è la società italiana di riferimento per il settore dei Sistemi a pilotaggio remoto (SAPR). Costituita nel dicembre 2013 e parte del gruppo Italeaf, è attiva nello sviluppo, produzione industriale e commercializzazione di droni civili e commerciali nelle classi mini e micro per il mercato professionale. Con un costante focus sull’innovazione, la società intende conseguire la leadership del settore professionale degli aeromobili a pilotaggio remoto, curando l’intera filiera industriale: dalla progettazione all’integrazione di sistema, fino alla produzione chiavi in mano di piattaforme robuste, pratiche ed efficaci per il settore del telerilevamento di prossimità.

Skyrobotic unisce il know how e l’esperienza decennale nel settore di Siralab Robotics, società ad alto contenuto tecnologico, e il track record, l’esperienza operativa e la capacità finanziaria di Italeaf, gruppo leader nei settori del cleantech e dell’industria innovativa.

Comunicato-Stampa_SKY_2014-10-22

21Ott 2014
  • Sottoscritto per il 96,63% l’aumento di capitale scindibile di TerniEnergia riservato agli azionisti di Free Energia S.p.A., società attiva nel trading e nell’efficienza energetica,
  • A fronte dell’aumento di capitale sono state conferite azioni Free Energia per un numero pari al 96,63% del capitale sociale della stessa al fine del perfezionamento dell’operazione di acquisizione

 

TerniEnergia, società attiva nei settori dell’energia da fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica e del waste management, quotata sul segmento Star di Borsa Italiana, comunica, che, in data odierna, è stata iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Terni la delibera dell’Assemblea straordinaria approvata dagli azionisti del 13 ottobre 2014. Tale delibera ha ad oggetto l’aumento di capitale sociale da Euro 50.529.680 a Euro 57.166.848, con emissione di massimo n. 6.637.168 azioni ordinarie TerniEnergia, da sottoscrivere entro il 15 dicembre 2014, mediante conferimento in natura rappresentato da azioni della società Free Energia S.p.A., con esclusione del diritto di opzione a norma dell’articolo 2441, quarto comma, del codice civile, secondo il prezzo di emissione pari ad Euro 2,26 per azione, di cui Euro 1,26 a titolo di sovrapprezzo, per un controvalore massimo di Euro 15 milioni.

Alla data odierna risultano sottoscritte n. 6.413.703 azioni TerniEnergia rivenienti dal suddetto aumento di capitale, corrispondenti al 96,63% del totale deliberato a fronte del quale sono state conferite azioni Free Energia per un numero pari al 96,63% del capitale sociale della stessa. Per effetto di tali conferimenti, il capitale sociale deliberato è pari ad euro 57.166.848, mentre quello sottoscritto e versato è pari ad euro 56.943.383,00.

 

Le azioni TerniEnergia di nuova emissione liberate dagli azionisti di Free Energia sono attualmente numero 6.413.703 pari al 14,57% del capitale sociale di TerniEnergia e la relativa negoziazione sul mercato regolamentato potrà avvenire solo dopo il rilascio da parte di Consob dell’autorizzazione alla pubblicazione del prospetto relativo all’ammissione alle negoziazioni delle nuove azioni. Alla data del presente comunicato stampa è, infatti, pendente la suddetta richiesta di autorizzazione presso la Consob.

Per effetto di tali sottoscrizioni, fermo restando il termine del 15 dicembre 2014 per eventuali ulteriori sottoscrizioni da parte di azionisti Free Energia, e fatto salvo quanto precisato con riferimento alla richiesta di autorizzazione alla pubblicazione del prospetto alle negoziazioni relativo all’ammissione delle nuove azioni, l’obiettivo dell’acquisizione di Free Energia S.p.A. da parte di TerniEnergia è da considerarsi positivamente raggiunto, per un controvalore di Euro 14.494.968,78.

 

TerniEnergia, costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, opera nel settore delle energie da fonti rinnovabili, nell’efficienza energetica e nel settore ambientale. TerniEnergia è attiva come system integrator, con un’offerta chiavi in mano di impianti fotovoltaici di taglia industriale, sia per conto terzi sia in proprio anche tramite joint venture con primari operatori nazionali. La Società intende inoltre rafforzare l’attività di vendita dell’energia prodotta da fonte solare. TerniEnergia opera nel waste management, nel recupero di materia ed energia e nello sviluppo e produzione di tecnologie. In particolare, la Società è attiva nel recupero pneumatici fuori uso; nel trattamento di rifiuti biodegradabili attraverso l’implementazione di biodigestori; nella produzione di energia da biomasse; nella gestione di un impianto di depurazione biologica; nel decommissioning di impianti industriali; nel recupero di metalli da demolizione e nelle bonifiche di siti industriali; nello sviluppo e produzione di apparati tecnologici. TerniEnergia, attraverso la controllata Lucos Alternative Energies, opera nello sviluppo di impianti di efficienza energetica sia in EPC sia in FTT (Finanziamento Tramite Terzi), perseguendo gli obiettivi di incremento della produzione energetica da fonti rinnovabili, di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni dettati dalla politica ambientale europea.

TerniEnergia è quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana S.p.A..

Comunicato-Stampa_TEFREE_2014-10-21

20Ott 2014

Una delegazione della Seconda Commissione consiliare, composta dal presidente Gianfranco Chiacchieroni e dai commissari Raffaele Nevi (Forza Italia), Alfredo De Sio (Fratelli d’Italia) e Manlio Mariotti (Partito democratico) ha effettuato una visita istituzionale all’incubatore Italeaf SpA di Terni, una holding di partecipazione e un acceleratore di business per imprese e startup nei settori dell’innovazione e del cleantech. Ad attendere i consiglieri regionali e ad illustrare loro le attività della Società, è stato lo stesso presidente di Italeaf, Stefano Neri.
La Società Italeaf ha sedi operative in Umbria, a Terni e Nera Montoro (Narni), a Milano e Lecce, oltre ad altre filiali internazionali a Londra e a Hong Kong ed un centro di ricerca localizzato all’interno dell’Hong Kong Science and Technology Park, controlla TerniEnergia (energie rinnovabili, efficienza energetica, waste management); Greenled Industry, (sviluppo e produzione di lampade Led), WiSave, (settore ‘internet of things’) e Skyrobotic, (sviluppo e produzione di droni civili e commerciali). Nell’incubatore Italeaf si sviluppano Green Tales S.r.l. (officina digitale, municazione integrata, del design e dell’architettura); Asc Group Srl (startup innovativa attiva nella progettazione, realizzazione, commercializzazione di sistemi integrati innovativi per il settore trasporti, energia ambiente e salute); GreenLed Industry SpA, costituita nel 2012 e parte del Gruppo Italeaf, è attiva nello sviluppo e nella produzione di lampioni a Led con caratteristiche altamente innovative; Siralab Robotics (robotica e engineering); eTech (startup nei settori della tecnologia dell’automazione industriale).
I prodotti presentati alla commissione sono stati: lampade LED di potenza per applicazione nell’efficienza energetica industriale e nell’illuminotecnica stradale (Greenled Industry), droni e sistemi aerei a pilotaggio remoto (Skyrobotic), drone navale Galileo (Siralab), Stampa 3D e prototipazione industriale (Greentales), device e sistema di telecontrollo per impianti di teleriscaldamento, impianto di telecontrollo per metropolitana in Iran e progetto di ricerca tubernose, sniffer per la ricerca di tartufi senza l’ausilio di cani (ASC Group).
Italeaf ha presentato ai consiglieri il progetto di rigenerazione industriale di Nera Montoro in direzione della realizzazione di un eco-industrial park. Il piano di rigenerazione è stato affidato da Italeaf al Politecnico di Milano e la società si è candidata ad ospitare un polo regionale dell’innovazione industriale, convogliando sul territorio anche i fondi strutturali della prossima programmazione comunitaria al fine di costruire una stretta e virtuosa partnership tra pubblico e privato.

17Ott 2014

TerniEnergia, società attiva nei settori dell’energia da fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica e del waste management, quotata sul segmento Star di Borsa Italiana, comunica, ai sensi dell’art. 144-bis, comma 3, del Regolamento Consob n. 11971/1999 (“Regolamento Emittenti”), l’avvio di un programma di acquisto di azioni proprie ordinarie, per un numero massimo di 2.656.720, pari al 6% del capitale come risultante prima della delibera di Aumento di Capitale assunta in data 13 ottobre 2014 dall’Assemblea straordinaria, in conformità all’autorizzazione rilasciata dall’Assemblea ordinaria il 13 ottobre 2014.

Il programma consente alla Società di effettuare operazioni di investimento e costituzione di un magazzino titoli, direttamente o tramite intermediari, nel rispetto delle disposizioni vigenti. Inoltre può essere utilizzato per:

– dotarsi di un portafoglio costituito da azioni ordinarie TerniEnergia da utilizzare quale corrispettivo nell’ambito di eventuali operazioni di natura straordinaria, mediante scambio di partecipazioni ovvero come oggetto di conferimento, o per altri impieghi ritenuti di interesse strategico, finanziario, industriale e/o gestionale per la Società;

– offrire agli azionisti un ulteriore strumento di monetizzazione del proprio investimento;

– acquistare azioni proprie in un’ottica di investimento a medio e lungo termine;

– intervenire nel rispetto delle disposizioni vigenti direttamente o tramite intermediari per contenere movimenti anomali delle quotazioni o per regolarizzare l’andamento delle negoziazioni e dei corsi a fronte di momentanei fenomeni distorsivi legati a un eccesso di volatilità o a una scarsa liquidità degli scambi.

Le operazioni di acquisto non sono strumentali alla riduzione del capitale sociale mediante annullamento delle azioni proprie acquistate, né intenzionalmente finalizzate ad operazioni di delisting della Società.

Il corrispettivo unitario per l’acquisto delle azioni non può essere né superiore né inferiore del 10% rispetto al prezzo di riferimento registrato dal titolo nella seduta di Borsa precedente ogni singola operazione di acquisto. Dal punto di vista del corrispettivo per l’alienazione delle azioni proprie acquistate, il Consiglio di  Amministrazione avrà il potere discrezionale di determinare, di volta in volta, il prezzo e/o ogni ulteriore condizione, modalità e termine di impiego delle azioni proprie, avuto riguardo all’andamento dei prezzi delle azioni nel periodo precedente l’operazione ed al migliore interesse per la Società, in ogni caso con le modalità, i termini ed i requisiti conformi alla prassi di mercato ammessa ed in ossequio alle disposizioni regolamentari di volta in volta applicabili.

Per quanto riguarda il volume giornaliero delle operazioni relative al programma, gli acquisti non saranno superiori al 25% del volume medio giornaliero di azioni scambiate nei 20 giorni di negoziazione precedenti la data di ogni singolo acquisto.

La Società comunicherà al mercato e alle Autorità competenti, entro il secondo giorno della settimana di Borsa, i dettagli (in termini di numero di azioni acquistate, prezzo medio e controvalore complessivo) delle operazioni effettuate nel corso della settimana di Borsa precedente.

Alla data odierna la Società possiede n. 7.500 azioni proprie, pari a circa lo 0,02% del capitale sociale. Il programma di acquisto potrà essere realizzato, anche in più tranches, entro 18 mesi dalla data della delibera assembleare sopra citata.

L’autorizzazione alla disposizione delle azioni proprie acquistate di volta in volta e detenute in portafoglio è richiesta senza limiti temporali. Il Consiglio di Amministrazione potrà procedere al compimento delle operazioni autorizzate in una o più volte.

TerniEnergia, costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, opera nel settore delle energie da fonti rinnovabili, nell’efficienza energetica e nel settore ambientale. TerniEnergia è attiva come system integrator, con un’offerta chiavi in mano di impianti fotovoltaici di taglia industriale, sia per conto terzi sia in proprio anche tramite joint venture con primari operatori nazionali. La Società intende inoltre rafforzare l’attività di vendita dell’energia prodotta da fonte solare. TerniEnergia opera nel waste management, nel recupero di materia ed energia e nello sviluppo e produzione di tecnologie. In particolare, la Società è attiva nel recupero pneumatici fuori uso; nel trattamento di rifiuti biodegradabili attraverso l’implementazione di biodigestori; nella produzione di energia da biomasse; nella gestione di un impianto di depurazione biologica; nel decommissioning di impianti industriali; nel recupero di metalli da demolizione e nelle bonifiche di siti industriali; nello sviluppo e produzione di apparati tecnologici. TerniEnergia, attraverso la controllata Lucos Alternative Energies, opera nello sviluppo di impianti di efficienza energetica sia in EPC sia in FTT (Finanziamento Tramite Terzi), perseguendo gli obiettivi di incremento della produzione energetica da fonti rinnovabili, di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni dettati dalla politica ambientale europea.
TerniEnergia è quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana S.p.A..

 Comunicato-Stampa_TEAZPRO_2014-10-17                                                         

13Ott 2014

Nasce la prima “smart energy company” indipendente italiana attiva nel settore delle energie rinnovabili, efficienza, servizi energetici e waste management. Via libera al piano di acquisto azioni proprie (buy-back)

•            L’Assemblea straordinaria degli Azionisti delibera la proposta di aumento di capitale scindibile con esclusione del diritto di opzione, riservato agli azionisti di Free Energia S.p.A., mediante l’emissione di nuove azioni ordinarie fino a n. 6.637.168, per perfezionare l’acquisizione del 100% di Free Energia, società attiva nel trading e nell’efficienza energetica

•            Il prezzo di emissione delle nuove azioni è pari a Euro 2,26 per azione

•            Controvalore dell’operazione pari a Euro 15 milioni per il 100% delle azioni Free Energia

•            L’Assemblea ordinaria degli Azionisti delibera l’avvio di un programma di acquisto azioni proprie

 

L’Assemblea degli Azionisti di TerniEnergia, società attiva nei settori dell’energia da fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica e del waste management, quotata sul segmento Star di Borsa Italiana,  si è riunita in data odierna in sede straordinaria e ordinaria sotto la presidenza dell’avv. Stefano Neri.

Parte Straordinaria

L’Assemblea Straordinaria ha deliberato l’aumento di capitale sociale, da realizzarsi mediante emissione di massimo n. 6.637.168 azioni ordinarie TerniEnergia, da Euro 50.529.680 a Euro 57.166.848, da sottoscrivere mediante conferimento in natura rappresentato da azioni della società “Free Energia S.p.A.”, con esclusione del diritto di opzione a norma dell’articolo 2441, quarto comma, del codice civile, entro il 15 dicembre 2014, secondo il prezzo di emissione determinato nella Relazione dell’organo amministrativo pari ad Euro 2,26 per azione, di cui Euro 1,26 a titolo di sovrapprezzo, per un controvalore massimo di Euro 15 milioni.

L’operazione si innesta nel percorso di sviluppo che TerniEnergia ha seguito ininterrottamente sin dalla sua costituzione ed è pertanto finalizzata a:

– implementare sinergie finanziarie e operative per programmare una strategia di crescita focalizzata sullo sviluppo di business altamente complementari rispetto a quelli attuali di TerniEnergia;

– favorire un sensibile incremento e diversificazione del fatturato del Gruppo;

– allargare il perimetro delle attività core, con l’integrazione nella value-chain dei servizi tecnologicamente innovativi;

– arricchire il portfolio con un brand forte in un settore molto competitivo;

– sviluppare forti opportunità commerciali cross-selling nei settori dell’efficienza energetica e della vendita di energia;

– massimizzare i ritorni economici connessi con le attività integrate di produzione, gestione e vendita di energia, anche grazie al forte potenziamento della rete commerciale per i servizi nel risparmio energetico;

– garantire l’ingresso nel promettente mercato della gestione e vendita di servizi alle centrali ad olio vegetale.

L’Assemblea ha, inoltre, deliberato che, qualora l’aumento di capitale non fosse totalmente sottoscritto, entro il termine del 15 dicembre 2014, il capitale stesso s’intenderà aumentato di un importo pari alle sottoscrizioni raccolte.

Al Consiglio di Amministrazione e per esso al suo presidente, Avvocato Stefano Neri, viene delegato ogni potere per l’esecuzione dell’aumento di capitale entro i termini previsti.

TerniEnergia è assistita da Power Capital in qualità di advisor finanziario. Il dott. Luigi Tardella, partner di Ambers & Co., è stato incaricato dalla società conferente Free Energia S.p.A. per la valutazione di stima dei beni oggetto di conferimento nell’ambito dell’operazione di acquisizione.

Parte Ordinaria

L’Assemblea, riunitasi in sede ordinaria, ha approvato in data odierna la proposta di un piano di acquisto di azioni proprie (buy-back), proposta dal Consiglio di Amministrazione il 31 marzo scorso.

Motivazioni del piano di acquisto azioni proprie

Con l’acquisto di azioni proprie, la società intende:

– dotarsi di un portafoglio costituito da azioni ordinarie TerniEnergia da utilizzare quale corrispettivo nell’ambito di eventuali operazioni di natura straordinaria, mediante scambio di partecipazioni ovvero come oggetto di conferimento, o per altri impieghi ritenuti di interesse strategico, finanziario, industriale e/o gestionale per la Società;

– offrire agli azionisti un ulteriore strumento di monetizzazione del proprio investimento;

– acquistare azioni proprie in un’ottica di investimento a medio e lungo termine;

– intervenire nel rispetto delle disposizioni vigenti direttamente o tramite intermediari per contenere movimenti anomali delle quotazioni o per regolarizzare l’andamento delle negoziazioni e dei corsi a fronte di momentanei fenomeni distorsivi legati a un eccesso di volatilità o a una scarsa liquidità degli scambi.

Le operazioni di acquisto non sono strumentali alla riduzione del capitale sociale mediante annullamento delle azioni proprie acquistate, né intenzionalmente finalizzate ad operazioni di delisting della Società.

Numero Massimo di azioni proprie acquistabili

La proposta in oggetto riguarda l’autorizzazione al Consiglio di  Amministrazione ad acquistare in una o più volte azioni proprie fino al 6% del capitale sociale come risultante prima della delibera di Aumento di Capitale assunta in data odierna dall’Assemblea straordinaria e fino al raggiungimento del quantitativo massimo di 2.656.720 azioni proprie, avuto riguardo alle azioni proprie possedute direttamente e a quelle possedute da eventuali società controllate. La Società non detiene attualmente azioni proprie.

Periodo di validità dell’autorizzazione assembleare

L’autorizzazione all’acquisto delle azioni proprie è valida per un periodo di 18 mesi dalla data dell’Assemblea. L’autorizzazione alla disposizione delle azioni proprie acquistate di volta in volta e detenute in portafoglio è richiesta senza limiti temporali. Il Consiglio di Amministrazione potrà procedere al compimento delle operazioni autorizzate in una o più volte.

Indicazione del prezzo minimo e massimo

Il corrispettivo unitario per l’acquisto delle azioni non può essere né superiore né inferiore del 10% rispetto al prezzo di riferimento registrato dal titolo nella seduta di Borsa precedente ogni singola operazione di acquisto. Dal punto di vista del corrispettivo per l’alienazione delle azioni proprie acquistate, il Consiglio di  Amministrazione avrà il potere discrezionale di determinare, di volta in volta, il prezzo e/o ogni ulteriore condizione, modalità e termine di impiego delle azioni proprie, avuto riguardo all’andamento dei prezzi delle azioni nel periodo precedente l’operazione ed al migliore interesse per la Società, in ogni caso con le modalità, i termini ed i requisiti conformi alla prassi di mercato ammessa ed in ossequio alle disposizioni regolamentari di volta in volta applicabili.

Modalità per l’effettuazione degli acquisti

Le operazioni di acquisto e di disposizione di azioni proprie, per le quali si richiede l’autorizzazione saranno eseguite nel rispetto dell’articolo 144-bis del Regolamento Consob di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 e, in generale, della normativa applicabile, in particolare delle disposizioni legislative e regolamentari, nazionali e comunitarie.

Tra le varie modalità consentite dal Regolamento Emittenti (in particolare mediante offerta pubblica di acquisto o di scambio ovvero sui mercati regolamentati), l’acquisto avverrà sui mercati regolamentati. Per quanto riguarda le operazioni di disposizione di azioni proprie, l’esecuzione avverrà in una o più volte, senza limiti temporali, e nei modi ritenuti più opportuni per conseguire la finalità proposta. L’Assemblea ha conferito al Presidente e Amministratore Delegato di TerniEnergia Stefano Neri la delega per l’esecuzione dell’operazione in oggetto.

 

TerniEnergia, costituita nel mese di settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, opera nel settore delle energie da fonti rinnovabili, nell’efficienza energetica e nel settore ambientale. TerniEnergia è attiva come system integrator, con un’offerta chiavi in mano di impianti fotovoltaici di taglia industriale, sia per conto terzi sia in proprio prevalentemente tramite le joint venture con EDF EN Italia S.p.A. e altri primari operatori nazionali. La Società intende inoltre rafforzare l’attività di vendita dell’energia prodotta da fonte solare. TerniEnergia opera nel waste management, nel recupero di materia ed energia e nello sviluppo e produzione di tecnologie. In particolare, la Società è attiva nel recupero pneumatici fuori uso; nel trattamento di rifiuti biodegradabili attraverso l’implementazione di biodigestori; nella produzione di energia da biomasse; nella gestione di un impianto di depurazione biologica; nel decommissioning di impianti industriali; nel recupero di metalli da demolizione e nelle bonifiche di siti industriali; nello sviluppo e produzione di apparati tecnologici. TerniEnergia, attraverso la controllata Lucos Alternative Energies, opera nello sviluppo di impianti di efficienza energetica sia in EPC sia in FTT (Finanziamento Tramite Terzi), perseguendo gli obiettivi di incremento della produzione energetica da fonti rinnovabili, di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni dettati dalla politica ambientale europea.
TerniEnergia è quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana S.p.A..
 
Comunicato-Stampa_TEASS_2014-10-13
13Ott 2014

ITALEAF: Ternienergia, Assemblea degli obbligazionisti del prestito obbligazionario “TerniEnergia Euro 25,000,000.00 Notes due 2019”

  • L’Assemblea degli obbligazionisti esprime il consenso all’operazione di aumento del capitale sociale della società “TerniEnergia S.p.A.”, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell’articolo 2441, comma 4, del Codice Civile, riservato agli azionisti di Free Energia S.p.A., mediante l’emissione di nuove azioni ordinarie fino a n. 6.637.168, per perfezionare l’acquisizione del 100% di Free Energia, società attiva nel trading e nell’efficienza energetica
  • L’Assemblea approva le modifiche dei covenants finanziari, previsti ai sensi dell’art. 8 (vii) del Regolamento del Prestito, per sostenere il percorso di riposizionamento del business del Gruppo TerniEnergia

 

TerniEnergia, società attiva nei settori dell’energia da fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica e del waste management e parte del Gruppo Italeaf, quotata sul segmento Star di Borsa Italiana, rende noto che in data 11 Ottobre 2014 l’Assemblea degli obbligazionisti – titolari del prestito obbligazionario “TerniEnergia 2019 Euro 25.000.000,00 Notes due”, per complessive numero 250 obbligazioni non convertibili del valore nominale di Euro 100.000,00 ciascuna, emesso dalla Società con delibera del 27 gennaio 2014 – ha deliberato il consenso, conformemente a quanto richiesto dal regolamento del prestito obbligazionario stesso, all’aumento di capitale scindibile con l’esclusione del diritto di opzione, ai sensi dell’articolo 2441, comma 4, del Codice Civile, riservato agli azionisti di Free Energia S.p.A., mediante l’emissione di nuove azioni ordinarie fino a n. 6.637.168 di TerniEnergia S.p.A., per perfezionare, tramite conferimento in natura, l’acquisizione del 100% di Free Energia, società attiva nel trading e nell’efficienza energetica, quale operazione di natura straordinaria il cui valore eccede il limite del 15% dell’attuale capitale sociale della Società.

L’Assemblea degli obbligazionisti ha, inoltre, approvato le modifiche dei covenants finanziari previsti ai sensi dell’art. 8 (vii) del Regolamento del Prestito, come segue:

– dal 6 febbraio 2016, in ogni bilancio semestrale ed annuale:

(i) Interest Coverage Ratio: pari o maggiore di 2.0X;

(ii) Net financial debt/EBITDA: pari o minore di 7.0X;

(iii) Net Financial debt corporate/EBITDA: pari o minore di 4.0X;

– dal 6 febbraio 2017, in ogni bilancio semestrale ed annuale:

(i) Interest Coverage Ratio: pari o maggiore di 2.25X;

(ii) Net financial debt/EBITDA: pari o minore di 6.0X;

(iii) Net Financial debt corporate/EBITDA: pari o minore di 3.50X;

– dal 6 febbraio 2018, in ogni bilancio semestrale ed annuale:

(i) Interest Coverage Ratio: pari o maggiore di 2.50X;

(ii) Net financial debt/EBITDA: pari o minore di 5.0X;

(iii) Net Financial debt corporate/EBITDA: pari o minore di 3.25X.

L’operazione di modifica dei covenants finanziari è volta a sostenere il percorso di riposizionamento del business del Gruppo TerniEnergia attraverso l’acquisizione di Free Energia S.p.A., operazione attraverso cui il Gruppo TerniEnergia punta a perseguire i seguenti obiettivi:

– l’implementazione di sinergie finanziarie e operative per programmare una strategia di crescita focalizzata sullo sviluppo di business altamente complementari rispetto a quelli attuali di TerniEnergia;

– un sensibile incremento e diversificazione del fatturato del Gruppo;

– l’allargamento del perimetro delle attività core, con l’integrazione nella value-chain dei servizi tecnologicamente innovativi;

– l’arricchimento del portfolio con un brand forte in un settore molto competitivo;

– lo sviluppo di forti opportunità commerciali cross-selling nei settori dell’efficienza energetica e della vendita di energia;

– la massimizzazione dei ritorni economici connessi con le attività integrate di produzione, gestione e vendita di energia, anche grazie al forte potenziamento della rete commerciale per i servizi nel risparmio energetico;

– l’ingresso nel promettente mercato della gestione e vendita di servizi alle centrali ad olio vegetale

TerniEnergia, costituita nel mese di settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, opera nel settore delle energie da fonti rinnovabili, nell’efficienza energetica e nel settore ambientale. TerniEnergia è attiva come system integrator, con un’offerta chiavi in mano di impianti fotovoltaici di taglia industriale, sia per conto terzi sia in proprio prevalentemente tramite le joint venture con EDF EN Italia S.p.A. e altri primari operatori nazionali. La Società intende inoltre rafforzare l’attività di vendita dell’energia prodotta da fonte solare. TerniEnergia opera nel waste management, nel recupero di materia ed energia e nello sviluppo e produzione di tecnologie. In particolare, la Società è attiva nel recupero pneumatici fuori uso; nel trattamento di rifiuti biodegradabili attraverso l’implementazione di biodigestori; nella produzione di energia da biomasse; nella gestione di un impianto di depurazione biologica; nel decommissioning di impianti industriali; nel recupero di metalli da demolizione e nelle bonifiche di siti industriali; nello sviluppo e produzione di apparati tecnologici. TerniEnergia, attraverso la controllata Lucos Alternative Energies, opera nello sviluppo di impianti di efficienza energetica sia in EPC sia in FTT (Finanziamento Tramite Terzi), perseguendo gli obiettivi di incremento della produzione energetica da fonti rinnovabili, di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni dettati dalla politica ambientale europea.

TerniEnergia è quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana S.p.A..

Comunicato-Stampa_TE_2014-10-13

29Set 2014

Green Tales, startup innovativa incubata in Italeaf, sarà protagonista a Roma dell’edizione europea della Maker Faire, il più grande evento di innovazione al mondo, una mostra dedicata a tutta la famiglia che mette al centro creatività e inventiva oltre a essere la celebrazione del “Maker Movement”. La Maker Faire è il luogo dove gli innovatori del terzo millennio mostrano i progetti a cui stanno lavorando e condividono il sapere tecnologico e artigiano.

Maker Faire Rome – The European Edition è un progetto promosso dalla Camera di Commercio di Roma e organizzato dalla sua Azienda Speciale Asset Camera. Curatori della manifestazione sono Massimo Banzi, cofondatore di Arduino e Riccardo Luna. La seconda edizione di Maker Faire Rome sarà di casa all’Auditorium Parco della Musica ideato da Renzo Piano, che si trasformerà per l’occasione in un vero e proprio ”villaggio dell’Innovazione” di 70.000 mq.

1101 Chaotic Robots – è il progetto di Green Tales con l’Haklab Terni per la Maker Fair http://www.makerfairerome.eu/project/1101-chaotic-robots-145/

Green Tales & Hacklab Terni