Ternienergia @it

News from Ternienergia

22Mag 2019

Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia, smart company quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, riunito in data odierna con la presidenza di Stefano Neri, ha deliberato, alla luce dei cambiamenti normativi in Italia, di non pubblicare il resoconto intermedio di gestione relativo al primo e al terzo trimestre di ogni esercizio, a seguito del passaggio al MTA di Borsa Italiana SpA, come comunicato in data 27 aprile 2018.

Le modifiche legislative entrate in vigore in Italia il 18 marzo 2016 recepiscono gli emendamenti alla Direttiva Transparency dell’Unione Europea ed eliminano l’obbligo di comunicazione dei dati trimestrali al mercato. La decisione di assecondare tale evoluzione normativa allinea la comunicazione dei risultati finanziari del Gruppo a quella di altri emittenti europei. Il management di TerniEnergia ritiene che tale decisione consentirà di focalizzare maggiormente il Gruppo sulle strategie di medio e lungo termine e che la comunicazione dei risultati economico-finanziari su base semestrale permetterà di meglio rappresentare l’evoluzione e la situazione del business.

Il Consiglio di Amministrazione, inoltre, previo parere del Collegio Sindacale, ha nominato il nuovo Organismo di Vigilanza ex D.Lgs. 231/01, nelle persone del dott. Francesco Migliorati, chiamato a svolgere la funzione di Presidente e già responsabile Internal Audit della Società, l’avv. Aldo De Bellis e il prof. Francesco Vitelli quali componenti, al posto dei componenti dimissionari dott. Emiliano Barcaroli e dott. Roberto Piersantini.

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

16Mag 2019
  • L’operazione prevede l’acquisizione da parte di Italia T1 Roncolo S.r.l., in partnership con LCF Alliance, di impianti per una capacità installata complessiva pari a 19,3 MW
  • Corrispettivo dell’operazione pari a Euro 23,875 milioni (Equity Value per il 100% degli asset da cedere), di cui Euro 0,5 milioni circa (corrispondenti al 50% dell’Equity value di n. 1 JV) sarà corrisposto al socio della società veicolo proprietaria di 2 impianti ed Euro 4,5 milioni circa saranno corrisposti alle 2 JV proprietarie di 3 impianti per il conferimento del ramo d’azienda in 2 Newco
  • Controvalore complessivo dell’operazione (Enterprise Value) pari a circa Euro 59 milioni
  • Parte del prezzo di acquisto, pari a Euro 2,5 milioni, verrà versato su un conto Escrow a titolo di garanzia degli adempimenti e delle obbligazioni di indennizzo del Venditore
  • La transazione prevede l’assunzione da parte dell’acquirente di debiti finanziari legati agli impianti per Euro 43,3 milioni circa, di cui Euro 6,9 milioni circa relativi alle società in Joint Venture
  • Il closing previsto entro il 30 novembre 2019
  • TerniEnergia continuerà a gestire le attività di O&M sugli impianti oggetto dell’operazione per un periodo di tre anni
  • L’intesa prevede che la cessione di ulteriori 3 società titolari di 3 impianti fotovoltaici su serra di complessivi 4,6 MW, ad un prezzo complessivo di Euro 3,3 milioni e con l’assunzione di debito finanziario per Euro 9,4 milioni, sia subordinata all’accordo sulla gestione dei contenziosi in corso
  • L’operazione sarà formalizzata alla conclusione dell’iter procedimentale di approvazione del comitato investimenti del soggetto investitore a capo di Italia T1 Roncolo S.r.l. (“subject to the Investment Committee approval”)
  • L’operazione realizzata nell’ambito del Piano di Risanamento e Rilancio del Gruppo TerniEnergia

Italeaf, holding di partecipazione attiva nei settori cleantech e smart innovation, quotata al Nasdaq First North comunica che la subsidiary TerniEnergia, smart company quotata sul MTA di Borsa Italiana, e Italia T1 Roncolo S.r.l., piattaforma di aggregazione di impianti fotovoltaici in Italia, in partnership con lo sponsor LCF Alliance, hanno raggiunto un accordo, con promessa del fatto del terzo ai sensi dell’art. 1381 c.c., per la cessione da parte di TerniEnergia, anche per il tramite di alcune società controllate e SPV, di n. 22 impianti fotovoltaici in Italia di potenza complessiva installata pari a 19,3 MW. TerniEnergia continuerà a gestire le attività di “O&M” sugli impianti oggetto dell’operazione per un periodo di tre anni. Per la formalizzazione di tutti i contratti relativi all’operazione da parte di Italia T1 Roncolo s.r.l. e per il closing dell’operazione è necessaria l’approvazione del comitato di investimento degli Acquirenti (“subject to the Investment Committee approval”), mentre il CDA di TerniEnergia ha già approvato il via libera all’operazione.

L’accordo prevede che il closing dell’operazione di cessione degli asset avvenga entro il 30 novembre 2019.

Il prezzo di acquisto per il 100% degli impianti ceduti è pari a 23,875 milioni di euro corrispondente all’Equity value determinato alla data di riferimento del 30 giugno 2018 (Enterprise value complessivo al 30/06/2018 pari a Euro 59 milioni circa), fatti salvi alcuni aggiustamenti che potranno derivare dall’evoluzione del Capitale circolante netto tra tale data e quella del closing. Un corrispettivo pari Euro 0,5 milioni circa (corrispondenti al 50% dell’Equity value di n. 1 Joint Venture) sarà corrisposto al socio della società veicolo proprietaria di n. 2 impianti. Inoltre, Euro 4,5 milioni circa saranno corrisposti alle 2 JV proprietarie di n. 3 impianti per il conferimento del ramo d’azienda in 2 Newco.  

L’accordo prevede che il closing dell’operazione di cessione degli asset avvenga previa costituzione di alcune Newco, nelle quali confluirà parte del portafoglio di asset composto complessivamente da n. 19 impianti, dei quali:

  • n. 16 impianti di proprietà delle società Energia Alternativa S.r.l., Terni Solarenergy S.r.l., Girasole S.r.l., Sol Tarenti S.r.l., Solter S.r.l. (3 impianti dei quali detenuti da JV);
  • e n. 3 impianti di proprietà diretta di TerniEnergia SpA.

Le partecipazioni delle costituende società veicolo saranno poi trasferite agli Acquirenti a decorrere dalla sottoscrizione del contratto di acquisizione (closing).

I restanti 3 impianti detenuti dalle SPV Guglionesi S.r.l. e Alchimia Energy S.r.l., saranno, invece, ceduti agli Acquirenti con la formula “Quota Purchase Agreement” (acquisizione delle quote delle società proprietarie degli impianti oggetto dell’operazione).

L’operazione prevede anche l’assunzione da parte degli Acquirenti di debiti finanziari legati agli impianti per Euro 43,3 milioni circa, di cui Euro 6,8 milioni relativi agli impianti detenuti in Joint Venture al 50% con altri partner. Parte del prezzo di acquisto, pari a Euro 2,5 milioni, verrà mantenuto su un conto Escrow a titolo di garanzia degli adempimenti e delle obbligazioni di indennizzo del Venditore, e rilasciato poi all’avveramento di determinate condizioni espressamente stabilite dalle parti.

Il closing dell’operazione è soggetto, fra le altre condizioni, all’ottenimento (qualora necessario) dell’assenso da parte di istituti di credito, sotto forma di waiver, alla cessione degli asset fotovoltaici e ad altre condizioni di natura tecnico-finanziaria, tipiche di questo tipo di operazioni.

Con la stessa intesa si prevede, inoltre, la cessione di 3 società agricole titolari di ulteriori 3 impianti fotovoltaici su serra per complessivi 4,6 MW, ad un prezzo di Euro 3,3 milioni e con assunzione di debito finanziario di Euro 9,4 milioni. Questa ulteriore intesa è tuttavia subordinata all’accordo sulla gestione dei contenziosi in corso.

Per TerniEnergia l’operazione rappresenta un nuovo, fondamentale tassello per la efficace attuazione del Piano di Risanamento e Rilancio volto a completare la trasformazione della società in una smart company e il superamento dell’attuale situazione di tensione finanziaria del Gruppo, sulla base della proposta approvata dal Consiglio di amministrazione. Il closing è, infatti, condizionato all’approvazione del Piano di Risanamento e Rilancio di TerniEnergia, finalizzato a ripristinare l’equilibrio finanziario e patrimoniale della Società nel lungo periodo, Piano la cui ragionevolezza dovrà essere attestata da un professionista ai sensi dell’art. 67, comma 3, lett. d) r.d. 267/42 per il periodo 2018-2022.

TerniEnergia è stata assistita da Grimaldi Studio Legale, quale advisor legale, con un team coordinato dal Partner, avv. Annalisa Pescatori, e da EnVent Capital Markets come advisor finanziario. Italia T1 Roncolo S.r.l. e LCF Alliance sono state assistite dal Team Energy di Rödl & Partner, con un team capitanato dal Partner avv. Roberto Pera, in qualità di advisor legale.

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

09Mag 2019

Sundrone Srl, azienda italiana leader nel settore delle ispezioni aeree di impianti per la produzione di energia rinnovabile, controllata da Softeco Sismat Srl, digital company del Gruppo TerniEnergia, è lieta di annunciare la sua partecipazione alla African Utility Week 2019 dal 14 al 16 maggio 2019 a Città del Capo (Sudafrica).

Sundrone presenterà il suo innovativo servizio per l’operation and maintenance proattivo e predittivo di impianti fotovoltaici di taglia industriale.

La mission della società è quella di portare nel mondo delle ispezioni aeree con i droni un sistema automatizzato, che consenta di ridurre al minimo la post produzione delle analisi termografichee visive e permettere ai tecnici di effettuare le valutazioni sui risultati senza dover condurre lunghe e complesse attività di estrazione e interpretazione dei dati.

Grazie all’integrazione con le competenze del gruppo TerniEnergia, Sundrone propone a proprietari di impianti, fondi di investimento e utilities una soluzione “chiavi in mano” per le ispezioni e l’image analysis dei campi fotovoltaici e delle infrastrutture e facilities industriali.

La stretta collaborazione con Softeco, inoltre, ha consentito alla società di poter sviluppare al meglio il software proprietario PVInspector, utilizzato in esclusiva da Sundrone per le attività di manutenzione evoluta (proattiva e predittiva) di grandi impianti fotovoltaici.

Sundrone, infatti, propone a un mercato emergente come quello delle ispezioni aeree con droni, i risultati raggiunti con la sperimentazione di PV Inspector su un portafoglio di impianti curato da TerniEnergia e che conta, complessivamente ben 283 MW di centrali di produzione di energia solare, in proprio e per conto terzi anche a livello internazionale.

Negli impianti di produzione di energia, il controllo dei rendimenti e del funzionamento della tecnologia e la manutenzione programmata e operativa sono condizioni indispensabili per massimizzare e salvaguardare gli investimenti delle grandi società e i servizi che esse erogano a clienti, utenti e cittadini.

In tutti gli ambiti dedicati all’attività professionale di operation and maintenance, ispezioni puntuali ed efficaci sono alla base del mantenimento e dell’ottimizzazione di un adeguato standard operativo. Nei casi in cui questi impianti e queste infrastrutture si sviluppano in altezza, sono particolarmente estesi, inaccessibili o complessi, le soluzioni proposte da Sundrone sono quelle più vantaggiose ed efficienti per offrire un monitoraggio multitemporale di altissimo dettaglio.

Sundrone utilizza il drone Skyrobotic SR-SF6: una piattaforma polivalente VTOL con funzionalità avanzate di navigazione automatica. Il drone è ottimizzato per trasportare payload con sensori innovativi, altamente integrati con il software proprietario di analisi delle immagini.

PVInspector, integrandosi con i sistemi aerei a pilotaggio remoto (droni) e con sensori hi-tech per la rilevazione visiva e termografica, permette di effettuare rilievi e ispezioni su grandi impianti fotovoltaici riducendo i tempi di cattura dei dati e di elaborazione degli stessi.

La soluzione software di imaging analysis, restituisce – infatti – dati digitali che evidenziano le criticità degli impianti, come hotspot, pannelli e stringhe malfunzionanti o sottoperformanti; determina con precisione l’ubicazione dei pannelli nell’impianto; consente di annotare graficamente le immagini acquisite per evidenziare le anomalie riscontrate, aggiungere note testuali e infine produrre automaticamente un report dell’ispezione che comprende le schede descrittive delle anomalie rilevate.

Il servizio, che può essere svolto anche su aree problematiche e urbanizzate, permette la prevenzione e l’individuazione di guasti degli impianti, aumentando l’efficienza economica dei servizi di O&M, il rendimento finanziario degli stessi impianti e riducendo i tempi di svolgimento delle operazioni.

18Apr 2019
  • Partite le attività del progetto che prevede un investimento complessivo di 19 milioni di euro sostenuto da 30 partners (aziende, università e centri di ricerca) e dalla Commissione Europea per un periodo di 48 mesi
  • Softeco partecipa al Consorzio come fornitore di tecnologie e ottiene un finanziamento della CE pari a Euro 0,45 milioni
  • Il progetto si propone di sviluppare una piattaforma digitale rivolta all’eccellenza nel manufacturing attraverso prodotti e processi produttivi a Zero Difetti
  • ZDMP sarà validato attraverso dimostratori industriali nelle aree Automotive, Macchine industriali, Elettronica e Costruzioni 

TerniEnergia, smart company quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, Softeco Sismat Srl, digital company del Gruppo, e Zero Defect Manufacturing Platform project, annunciano l’avvio delle attività del Progetto ZDMP, grazie ad un investimento di complessivi Euro 19 milioni, sostenuto da 30 partners (aziende, università e centri di ricerca) e dalla Commissione Europea per un periodo di 48 mesi. L’obiettivo del progetto è sviluppare e realizzare a una piattaforma digitale rivolta all’eccellenza nel manufacturing attraverso prodotti e processi produttivi a Zero Difetti per l’Industria 4.0.

Softeco Sismat partecipa al progetto ZDMP in qualità di fornitore di soluzioni tecnologiche, che porterà all’erogazione di un finanziamento della Commissione Europea di Euro 0,45 milioni. Il progetto, coordinato dal Centro di ricerca UNINOVA, è concepito e gestito da Information Catalyst (ICE). Altri partner strategici aderenti sono: Ford, Continental, Software AG, Mondragon Assembly, FIDIA, HSD, Formplast, Consugal, PT Mills, Flexeflina, CEI, AlfaTest, Ceteck, Video Systems, Ascora, Profactor, Etxe-Tar, Ikerlan, ITI e Rooter. Le organizzazioni aderenti al progetto sono assistite dal Politecnico di Valencia, dall’Università di Tampere, dall’Università di Southampton e da DIN, l’Istituto tedesco per la standardizzazione dei processi industriali e di prodotto.

Alla base del progetto ZDMP c’è la sostanziale trasformazione dell’industria manifatturiera denominata Industria 4.0, resa possibile dalla proliferazione di nuove tecnologie digitali applicate attraverso la catena del processo produttivo. Così come il telefono si è evoluto verso lo smartphone, ZDMP farà evolvere la fabbrica verso la Smart Factory e la fabbrica Zero Defect.

Stuart Campbell, CEO di Information Catalyst e Manager del consorzio ZDMP, ha dichiarato:

ZDMP garantirà che l’industria europea possa rimanere competitiva nel mondo mantenendo la posizione di leadership nella produzione di prodotti di alta qualità ed a basso costo nel modo più efficiente“.

ZDMP sarà validato attraverso dimostratori industriali nelle aree Automotive, Macchine industriali, Elettronica e Costruzioni. Questi dimostreranno come una cooperazione rafforzata tra le aziende può evitare e ridurre i difetti di prodotto e di processo lungo varie catene di approvvigionamento. Le organizzazioni sponsorizzeranno inoltre Euro 3.2 milioni durante il corso delle attività per ulteriori partner, utenti e aziende tecnologiche, sia per migliorare ulteriormente le features della piattaforma sia per innescare la sua adozione sul mercato. Il progetto ZDMP combina lo stato dell’arte degli approcci tecnologici basati su software standard di livello commerciale o open-source con un approccio di sviluppo aperto e App store. Si concentrerà sulla qualità di processo e di prodotto per la pre-produzione, produzione e post-produzione, per garantire una produzione con Zero Difetti.

ZDMP in breve:

Il progetto Zero Defect Manufacturing Platform project (ZDMP) è partito a Gennaio 2019 per una durata di 48 mesi, con un investimento di 19M€ da parte di 30 partners (aziende, università e centri di ricerca) e della Commissione Europea. Informazioni sul progetto si possono trovare al sito www.zdmp.eu. ZDMP è un’attività di Ricerca e Innovazione emersa in risposta ad una call su Industria 4.0 e Factories of the Future nell’ambito del programma H2020 della Commissione Europea, al grant agreement n. 825631. Il risultato del progetto è una piattaforma per il Digital Manufacturing rivolta a facilitare una produzione a Zero Difetti nelle fabbriche intelligenti, incluse PMI, ed ha lo scopo di promuovere ulteriormente la posizione dell’Europa nella produzione di prodotti di alta qualità.

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

15Apr 2019
  • Finanziato dalla Commissione Europea, il progetto “Trustonomy” per aumentare la sicurezza, la fiducia e l’accettazione dell’Autonomous Driving
  • Il Consorzio, coordinato da Softeco Sismat, vede la partecipazione di partner industriali, case automobilistiche, centri di ricerca e università, organizzazioni no-profit e fornitori di tecnologia
  • Il finanziamento complessivo ottenuto è pari a oltre Euro 3,9 milioni, dei quali 0,52 relativi alle attività svolte dalla digital company del Gruppo TerniEnergia 

TerniEnergia, smart company quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, annuncia che Softeco Sismat Srl, digital company del Gruppo, coordinerà il progetto “Trustonomy” sulle auto e i veicoli a guida autonoma.

La visione del progetto, finanziato della Commissione Europea, è quella di aumentare la sicurezza, la fiducia e l’accettazione dei veicoli a guida autonoma, contribuendo ad affrontare le sfide tecnologiche e gli scenari di applicazione, attraverso un approccio integrato e interdisciplinare.

Trustonomy – un neologismo nato dalla combinazione delle parole Trust, fiducia, e Autonomy, autonoma -riceverà un finanziamento complessivo di oltre 3,9 milioni di Euro, dei quali 0,52 milioni relativi alle attività svolte da Softeco Sismat.

Il progetto Trustonomy, che porterà gli esperti del settore e i comuni cittadini a lavorare in stretta collaborazione, indagherà, verificherà e valuterà comparativamente, in termini di prestazioni, etica e accettabilità, diverse tecnologie e approcci pertinenti in una varietà di scenari di guida autonoma e di real time innovation, coprendo diversi tipi di utenti (in termini di età, sesso, esperienza di guida, ecc.), modalità di trasporto su strada (auto private, camion, autobus), livelli di automazione (L3 – L5), condizioni di guida, ecc.

La natura interdisciplinare del consorzio assicura una contaminazione incrociata e la giusta combinazione di competenze in tutti i settori scientifici pertinenti, che vanno dalla psicologia e analisi del comportamento/attitudini dei conducenti al monitoraggio dello stato di guida, dalla formazione dei conducenti al driver performance assessment, dall’HMI design ai modelli di analisi del rischio, dall’inferenza statistica e di apprendimento automatico ai test di soluzioni automotive, dalla raccolta e analisi professionale dei dati dei conducenti alle soluzioni telematiche, fino alle grandi piattaforme dati di nuova generazione. Inoltre, l’equilibrata composizione del consorzio in termini di rappresentanza degli stakeholder consentirà una valutazione completa dei risultati del progetto da molteplici prospettive, tra cui l’analisi scientifica (università, centri di ricerca), la valutazione operativa (case automobilistiche) e le opportunità di business (fornitori di tecnologia, associazioni). Il Consorzio vede la partecipazione, oltre che della stessa digital company del Gruppo, di partner industriali come Intrasoft (LUX), Vodafone Innovus (GRE), Solaris (POL) e Scania (ITA), di centri di ricerca come ITS (POL),  IFSTTAR (FRA) e CSIC (SPA), di Università come quelle di Leeds (UK) e Patrasso (GRE), di piccole e medie imprese come Aitek (ITA), Catalink (CYP), Robocar e Škoda – Scuola di Guida Sicura (POL) e, infine, di organizzazioni no-profit come Työtehoseura (FIN) e TTS Italia (ITA).

Il finanziamento conferma il costante impegno dell’azienda nello sviluppo di soluzioni innovative in ambiti tecnologici emergenti come quello dell’Automous Driving e nel continuo trasferimento tecnologico di soluzioni per la propria clientela. Il settore della mobilità sostenibile e alternativa (Green Mobility), nel quale Softeco vanta già un’articolata proposizione di soluzioni in un’area di crescente interesse per gli operatori della mobilità e le amministrazioni impegnate nello sviluppo di soluzioni per la smart city, rappresenta uno degli ambiti applicativi di sistemi digitali in cui l’azienda è protagonista innovativo.

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

22Mar 2019
  • Aggiornamento del calendario degli eventi societari: differita l’approvazione del progetto di bilancio di esercizio e del bilancio consolidato al 31 dicembre 2018 a una data compresa tra il 17 e il 28 giugno 2019
  • La decisione assunta per consentire di allineare temporalmente l’approvazione dei risultati con la sottoscrizione dell’accordo di ristrutturazione con il ceto creditorio, sulla base della proposta di Piano di risanamento e rilancio della Società

 

Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia S.p.A. (“TerniEnergia” o la “Società”), smart energy company quotata sul MTA di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, riunitosi in data odierna, ha deliberato di rinviare l’approvazione progetto di bilancio di esercizio e del bilancio consolidato al 31 dicembre 2018 rispetto alla data indicata nel calendario finanziario annuale, comunicato in data 16 gennaio 2019.

Al riguardo, il Consiglio di Amministrazione della Società, ha preso atto che:

  1. in data 26 febbraio 2019, come da relativo comunicato stampa (disponibile nel sito Internet ternienergia.com, sezione “Comunicati Stampa”), è stato approvato l’aggiornamento della proposta di Piano di risanamento e rilancio, rispetto alla versione approvata in data 25 ottobre 2018, finalizzato a ripristinare l’equilibrio finanziario e patrimoniale della Società nel lungo periodo, Piano la cui ragionevolezza dovrà essere attestata da un professionista ai sensi dell’art. 67, comma 3, lett. d) r.d. 267/42 per il periodo 2018-2022 (il “Piano”), che è stato identificato nel dott. Massimiliano Bonamini (soggetto di comprovata esperienza nel settore);
  2. che sono in corso trattative con il ceto creditorio e con gli obbligazionisti, sulla base della proposta di Piano approvata, e che TerniEnergia si è riservata di seguire l’evoluzione delle negoziazioni con l’obiettivo di concludere le stesse e definire il Piano entro il 30 giugno 2019.

Tenuto conto dello stato di avanzamento di tale processo – del quale viene e sarà regolarmente informato il mercato – e della rilevanza dell’esito delle suddette trattative finalizzate al raggiungimento di un accordo di ristrutturazione che consenta il riequilibrio economico-finanziario della Società, il Consiglio di Amministrazione ha, quindi, ritenuto opportuno rinviare qualsiasi decisione in merito all’approvazione del progetto di bilancio di esercizio e del bilancio consolidato al 31 dicembre 2018 ad una successiva data, indicativamente compresa tra il 17 e il 28 giugno 2019, allo scopo di poter tener compiutamente conto, nell’approvazione di tali dati finanziari, degli impatti derivanti dalla definizione dell’accordo di ristrutturazione.

La data puntuale della riunione consiliare per l’approvazione del bilancio 2018 e per la convocazione dell’Assemblea dei soci, sarà comunicata al mercato con successivo comunicato stampa, nei modi stabiliti dalle disposizioni applicabili.

 

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

Comunicato-stampa__TE-CALEVSOC-22-03-2019

26Feb 2019

Nella proposta di Piano approvata, previsti:

  • una rimodulazione degli interventi di alienazione degli asset;
  • la conferma della fusione per incorporazione di Softeco in TerniEnergia per completare il processo di turnaround, con l’introduzione di obiettivi industriali nel settore O&M;
  • l’adeguamento della manovra finanziaria per il riscadenziamento del debito

 

Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia S.p.A. (“TerniEnergia” o la “Società”), riunitosi in data odierna, ha approvato l’aggiornamento della proposta di piano di risanamento e rilancio, rispetto alla versione approvata in data 25 ottobre 2018, finalizzato a ripristinare l’equilibrio finanziario e patrimoniale della Società nel lungo periodo, Piano la cui ragionevolezza dovrà essere attestata da un professionista ai sensi dell’art. 67, comma 3, lett. d) r.d. 267/42 per il periodo 2018-2022 (il “Piano”), che è stato identificato nel dott. Massimiliano Bonamini (soggetto di comprovata esperienza nel settore).

Il Piano, predisposto con l’ausilio di KPMG in qualità di advisor industriale e finanziario, nella sua versione aggiornata, rappresenta indubbiamente un ulteriore passo in avanti nell’ambito del processo di risanamento intrapreso dalla Società e prevede le seguenti principali direttive strategiche:

  • un programma di dismissione degli asset relativi ai settori fotovoltaico e ambientale di titolarità della Società (o di altre società dalla stessa direttamente o indirettamente controllate), aggiornato nelle tempistiche rispetto alla versione precedente della proposta di Piano, che tenga conto anche delle offerte ricevute dalla Società per la vendita dei sopra menzionati asset, oltre che delle prospettive industriali della Società conformemente a quanto previsto nel Piano;
  • la fusione per incorporazione di Softeco Sismat Srl in TerniEnergia, da realizzare entro la fine del 2019, per favorire l’ingresso nel settore hi-tech e digital;
  • la continuità e lo sviluppo delle linee di business in ambito di “energia digitale”, consulenza evoluta e applicazione delle nuove tecnologie alle attività di energy saving e manutenzione impiantistica digitalizzata;
  • una manovra finanziaria che, oltre a prevedere interventi di rimodulazione e riscadenziamento del debito, si fonda: (a) su un principio di ripartizione “pari passu”, tra istituti finanziari e gli obbligazionisti, dei proventi derivanti dalla dismissione degli asset sopra menzionati nel corso del biennio 2019-2020; (b) applicazione di una manovra a “saldo e stralcio” al 2020 per quegli Istituti che hanno manifestato interesse per tale soluzione grazie all’utilizzo degli ultimi proventi derivanti dalle dismissioni ipotizzate in quell’esercizio; (c) a partire dal 2020 rimborso integrale del debito residuo, per obbligazionisti e banche non aderenti al “saldo e stralcio”, tramite flussi derivanti dalla continuità del business con l’obiettivo di completamento del percorso di rimborso entro il 2026.

 

Si riportano di seguito i principali termini dell’aggiornamento della proposta di Piano approvati in data odierna dal Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia, ancora oggetto di trattative con il ceto creditorio (ivi inclusi gli obbligazionisti) e dunque ancora potenzialmente suscettibili di modifiche e/o integrazioni. Tutti gli interventi previsti devono essere considerati come una manovra unitaria, in quanto concorrenti a conseguire l’obiettivo del risanamento della Società:

  1. Interventi di dismissione proposti

E’ prevista la dismissione degli asset fotovoltaici nonché di quelli relativi alla Business Unit CleanTech e, in particolare, entro il 2019: (i) la cessione di impianti di produzione di energia fotovoltaica, detenuti direttamente ed indirettamente; (ii) la vendita di impianti di trattamento e recupero dei pneumatici fuori uso, (iii) la vendita del biodigestore di Nera Montoro; entro il 2020: (iv) la vendita di un impianto di depurazione di rifiuti liquidi e di 3 impianti fotovoltaici residui. Per effetto di tali cessioni, il Piano prevede un complessivo beneficio finanziario di circa Euro 115,8 milioni (di cui circa Euro 39,8 milioni di Equity Value e circa Euro 76,0 milioni di riduzione dell’esposizione finanziaria del Gruppo per effetto dell’accollo di parte dell’indebitamento da parte degli acquirenti degli asset).

  1. Fusione per incorporazione di Softeco in TerniEnergia

Si prevede di concludere il processo di razionalizzazione societaria del Gruppo TerniEnergia tramite la fusione per incorporazione di Softeco Sismat Srl in TerniEnergia entro la fine del 2019. Tale operazione consentirà a TerniEnergia di completare il processo di turnaround industriale del Gruppo attraverso: (a) il presidio strategico del nuovo mercato della “Digital Energy”, grazie allo sviluppo e alla crescita delle divisioni Smart Solution e Services, basate sulle competenze di Softeco; (b) l’applicazione del paradigma della Digital Transformation nonché l’adozione delle nuove tecnologie digitali per i settori dell’efficienza energetica, secondo un nuovo modello di business, e delle manutenzioni di impianti energetici (O&M  proattivo e prescrittivo), attraverso un’aumentata capacità di analisi dei dati e l’integrazione tra le competenze impiantistiche di TerniEnergia e quelle per lo sviluppo di soluzioni innovative di advanced analytics in capo a Softeco. Infine, si ritiene che la fusione consentirà di semplificare l’architettura societaria, confermando la vocazione industriale di TerniEnergia, ottimizzare i processi decisionali e l’efficienza gestionale (societaria, contabile ed amministrativa), con una conseguente maggiore razionalizzazione dei costi.

  1. Manovra finanziaria
  2. a) Rimborso accelerato del debito nel biennio 2019-2020: la proposta di manovra finanziaria prevede una riduzione dell’indebitamento del Gruppo nei confronti degli istituti finanziari e degli obbligazionisti (così come rilevato al 31 marzo 2018) nel corso del biennio 2019-2020 grazie ai proventi da cessione degli asset fotovoltaici e ambientali. Le dismissione ipotizzate porteranno ad un incasso complessivo di circa Euro 39,8 milioni (equity value) che verranno distribuiti per Euro 20,1 milioni nel 2019 (pari a ca. il 33% del debito post cessione del 2019) a banche ed obbligazionisti. Ulteriori Euro 7,8 milioni verranno rimborsati nel corso del 2020 con percentuali variabili tra istituti e obbligazionisti in funzione della scelta di questi ultimi di aderire al piano di rimborso pari passu o alternativamente all’ipotesi di saldo e stralcio. Per obbligazionisti e banche che hanno già dato disponibilità a sostenere l’azienda in un percorso di ristrutturazione a medio/ lungo termine (pari passu), si prevede che i flussi da dismissioni possano contribuire a fine 2020 ad un rimborso anticipato complessivo del debito pari al 43% ca. (dell’esposizione iniziale post dismissioni).
  3. b) Saldo e Stralcio: per gli Istituti che hanno manifestato il loro interesse ad aderire ad un principio di “saldo e stralcio” si prevede un pagamento nel 2020 che li porterebbe ad un soddisfacimento complessivo negli anni 2019 e 2020 pari al 67% ca. (stralcio pari a Euro 3,2 milioni ca. su Euro 9,6 milioni di debito associato agli Istituti che hanno optato per la soluzione di saldo e stralcio).

Si evidenzia che le trattative con i creditori della Società relativamente al Piano rimangono soggette a definizione e che potrebbero intervenire eventuali modifiche rispetto a quanto sopra descritto per effetto del proseguimento delle negoziazioni e comunque in coerenza con le stesse.

  1. c) Esposizioni residue al 31 dicembre 2020: le esposizioni residue al 31 dicembre 2020 (pari a Euro 28,2 milioni) verrebbero rimborsate, pari passu, tra le diverse tipologie di esposizioni (vedi infra) in rate annuali, con i flussi derivanti dall’operatività del Gruppo TerniEnergia, sino all’integrale estinzione del debito nei confronti degli istituti finanziari (fatta eccezione per gli istituti finanziatori esposti sulle controllate Softeco, Greenled e per sull’impianto di Magliano Sabina presente in TerniEnergia) e degli obbligazionisti prevista entro dicembre 2026. Questa manovra prevede altresì: (i) il consolidamento e moratoria fino al 31 dicembre 2019 delle linee a breve in essere al 31 marzo 2018 (diverse da quelle verso la controllata Softeco e Greenled), che saranno rimborsate in linea con il trattamento del medio/ lungo termine scelto dai singoli istituti, (ii) la moratoria delle esposizioni a medio lungo termine in essere al 31 marzo 2018, per gli esercizi 2019-2020, al netto dei rimborsi così come previsti nei punti precedenti; (iii) la rinegoziazione dei tassi di interesse maturati e maturandi dal 1° luglio 2018 per tutte le predette esposizioni a Euribor 6 mesi + 150 basis points.

Il Consiglio di Amministrazione ha, quindi, deliberato di proseguire le trattative con il ceto creditorio e con gli obbligazionisti, sulla base della proposta di Piano approvata in data odierna, riservandosi di seguire attentamente l’evoluzione delle negoziazioni con l’obiettivo di concludere le stesse e definire il Piano entro il 30 giugno 2019.

 

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

Comunicato-stampa__TE-PRR-26-02-2019

20Feb 2019

TerniEnergia, quotata sul MTA di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, comunica che Softeco, digital company del Gruppo TerniEnergia, ha ottenuto la Certificazione per la Gestione della sicurezza delle informazioni ISO 27001:2013 per l’erogazione dei propri servizi. Tale certificazione rappresenta lo standard internazionale che copre ogni aspetto della sicurezza informatica e garantisce che l’azienda gestisce in piena sicurezza le informazioni, soddisfacendo a principi di confidenzialità, integrità e disponibilità.

Attraverso la piena attuazione di questo standard internazionale, l’azienda intende sviluppare il business riducendo i rischi informatici e gli impatti negativi in termini operativi ed industriali, consentendo la partecipazione a gare anche di livello internazionale e a programmi europei di finanza agevolata finalizzati all’innovazione.

Lo Standard UNI CEI ISO/IEC 27001:2013 specifica i requisiti per stabilire, attuare, mantenere e migliorare continuamente un sistema di gestione della sicurezza delle informazioni nel contesto dell’organizzazione. Inoltre, include i requisiti per la valutazione e il trattamento dei rischi per la sicurezza dell’informazione adatti alle esigenze dell’organizzazione. I requisiti presenti nella norma sono generici e destinati ad essere applicati a tutte le organizzazioni, indipendentemente dal tipo, dalla dimensione o dalla loro natura.

Il sistema informatico certificato ISO 27001 di Softeco ha lo scopo di proteggere i dati e le informazioni da ogni criticità, per assicurarne l’integrità, la riservatezza e la disponibilità, e fornire i requisiti per adottare un adeguato sistema di gestione della sicurezza delle informazioni (SGSI) finalizzato ad una corretta gestione dei dati sensibili.

Softeco è già certificata ISO 9001 ed è intenzionata ad ampliare il bouquet delle proprie certificazioni, anche per generare sempre maggior valore aggiunto di distinzione nel proprio mercato di riferimento, maggiore fiducia nel rapporto con i clienti, organizzazioni pubbliche e offrire, infine, garanzia idonea e durevole di disponibilità, riservatezza ed integrità.

COSTESOF06-27001-20-02-2019(IT)

05Feb 2019

TerniEnergia, smart company quotata sul MTA di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, comunica che il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna ha accolto nel merito, con due distinte sentenze, i ricorsi presentati dalla Società per l’annullamento dei provvedimenti di revoca delle autorizzazioni relative a due impianti fotovoltaici su serra, di proprietà rispettivamente di Società Agricola Fotosolara Bonnanaro Srl (di potenza pari a circa 0,7 MWp) e di Società Agricola Fotosolara Oristano Srl (di potenza pari a circa 0,9 MWp), di piena proprietà di TerniEnergia S.p.A..

La Regione Sardegna, con due distinte determinazioni, aveva, infatti disposto, la revoca delle Autorizzazioni uniche relative ai due impianti. Il TAR per la Sardegna, rilevando l’illegittimità della procedura posta in essere dall’ente, ha accolto tutte le istanze avanzate dalla Società, annullando i provvedimenti regionali e condannando l’Amministrazione sarda al pagamento delle spese di giudizio.

TerniEnergia esprime piena soddisfazione per le decisioni del TAR, sottolineando come le due sentenze abbiano accolto tutte le argomentazioni avanzate ed evidenziando la piena regolarità della condotta della Società nella gestione delle due serre fotovoltaiche.

TerniEnergia è stata assistita con successo in giudizio dall’avvocato Andrea Sticchi Damiani.

 

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

Press-release__TE-TARSAR-05-02-2019

31Gen 2019
  • Con l’acquisizione del 19% di Sundrone, Softeco sale al 59% del capitale sociale della startup attiva nelle analisi termografiche e visive degli impianti solari di taglia industriale
  • Sundrone utilizza l’innovativa soluzione automatizzata PV Inspector, sviluppata proprio da Softeco, che consente analisi più precise e rapide e la produzione di dati digitali di imaging analysis delle ispezioni manutentive
  • Per il gruppo TerniEnergia si tratta di una nuova opportunità per aumentare l’efficienza delle attività di O&M ed asset management, che interessa 283 MW di impianti di produzione di energia solare, in proprio e per conto terzi anche a livello internazionale

 

TerniEnergia, smart company quotata sul MTA di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, rende noto che Softeco, digital company del Gruppo, ha concluso l’acquisizione del 19% del capitale sociale della startup tecnologica Sundrone Srl, attiva nel settore delle ispezioni termografiche e visive di impianti fotovoltaici di taglia industriale con l’utilizzo di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto (droni). Softeco, che deteneva già il 40% delle quote azionarie della società, sale così al 59% del capitale sociale, acquisendone il controllo.

Attraverso questa operazione straordinaria, la digital company porta nell’alveo del Gruppo TerniEnergia una rilevante opportunità tecnologica, rappresentata dalla possibilità di utilizzare la tecnologia proprietaria PV Inspector, sviluppata da Softeco, e utilizzata in esclusiva proprio da Sundrone, per le attività di operation and maintenance e di asset management che interessa 283 MW di impianti di produzione di energia solare, in proprio e per conto terzi anche a livello internazionale. Si tratta di una soluzione completamente automatizzata di imaging analysis per termografie multispettrali e ispezioni visive, che permette di velocizzare e rendere più precisa l’acquisizione di dati digitali per la prevenzione e l’individuazione di guasti e malfunzionamenti degli impianti fotovoltaici.

Per Softeco si tratta di una rilevante opportunità per incrementare la propria specializzazione tecnologica nel settore della gestione intelligente degli impianti.

COSTE02-sundrone-31-01-2019(IT)