Latest News @it

Latest News

05Feb 2019

TerniEnergia, smart company quotata sul MTA di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, comunica che il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna ha accolto nel merito, con due distinte sentenze, i ricorsi presentati dalla Società per l’annullamento dei provvedimenti di revoca delle autorizzazioni relative a due impianti fotovoltaici su serra, di proprietà rispettivamente di Società Agricola Fotosolara Bonnanaro Srl (di potenza pari a circa 0,7 MWp) e di Società Agricola Fotosolara Oristano Srl (di potenza pari a circa 0,9 MWp), di piena proprietà di TerniEnergia S.p.A..

La Regione Sardegna, con due distinte determinazioni, aveva, infatti disposto, la revoca delle Autorizzazioni uniche relative ai due impianti. Il TAR per la Sardegna, rilevando l’illegittimità della procedura posta in essere dall’ente, ha accolto tutte le istanze avanzate dalla Società, annullando i provvedimenti regionali e condannando l’Amministrazione sarda al pagamento delle spese di giudizio.

TerniEnergia esprime piena soddisfazione per le decisioni del TAR, sottolineando come le due sentenze abbiano accolto tutte le argomentazioni avanzate ed evidenziando la piena regolarità della condotta della Società nella gestione delle due serre fotovoltaiche.

TerniEnergia è stata assistita con successo in giudizio dall’avvocato Andrea Sticchi Damiani.

 

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

Press-release__TE-TARSAR-05-02-2019

31Gen 2019
  • Con l’acquisizione del 19% di Sundrone, Softeco sale al 59% del capitale sociale della startup attiva nelle analisi termografiche e visive degli impianti solari di taglia industriale
  • Sundrone utilizza l’innovativa soluzione automatizzata PV Inspector, sviluppata proprio da Softeco, che consente analisi più precise e rapide e la produzione di dati digitali di imaging analysis delle ispezioni manutentive
  • Per il gruppo TerniEnergia si tratta di una nuova opportunità per aumentare l’efficienza delle attività di O&M ed asset management, che interessa 283 MW di impianti di produzione di energia solare, in proprio e per conto terzi anche a livello internazionale

 

TerniEnergia, smart company quotata sul MTA di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, rende noto che Softeco, digital company del Gruppo, ha concluso l’acquisizione del 19% del capitale sociale della startup tecnologica Sundrone Srl, attiva nel settore delle ispezioni termografiche e visive di impianti fotovoltaici di taglia industriale con l’utilizzo di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto (droni). Softeco, che deteneva già il 40% delle quote azionarie della società, sale così al 59% del capitale sociale, acquisendone il controllo.

Attraverso questa operazione straordinaria, la digital company porta nell’alveo del Gruppo TerniEnergia una rilevante opportunità tecnologica, rappresentata dalla possibilità di utilizzare la tecnologia proprietaria PV Inspector, sviluppata da Softeco, e utilizzata in esclusiva proprio da Sundrone, per le attività di operation and maintenance e di asset management che interessa 283 MW di impianti di produzione di energia solare, in proprio e per conto terzi anche a livello internazionale. Si tratta di una soluzione completamente automatizzata di imaging analysis per termografie multispettrali e ispezioni visive, che permette di velocizzare e rendere più precisa l’acquisizione di dati digitali per la prevenzione e l’individuazione di guasti e malfunzionamenti degli impianti fotovoltaici.

Per Softeco si tratta di una rilevante opportunità per incrementare la propria specializzazione tecnologica nel settore della gestione intelligente degli impianti.

COSTE02-sundrone-31-01-2019(IT)

23Gen 2019

 Numanova, società del Gruppo Italeaf specializzata nella produzione di polveri metalliche utilizzate come materia prima nella fabbricazione additiva (o stampa 3D) annuncia di aver ottenuto da parte di TUV Austria Group la certificazione della produzione di polveri di metalli ferrosi e non ferrosi per applicazioni speciali, secondo lo standard internazionale UNI EN ISO 9001:2015, norma che definisce i requisiti dei sistemi di gestione della qualità e consente alle organizzazioni, in modo volontario, di sottoporre a verifica, da parte di un Organismo di certificazione accreditato, il proprio sistema di qualità ed i relativi processi produttivi.

Il progetto di certificazione dei servizi commerciali è stato avviato con l’avvio della produzione e, attraverso un percorso di analisi e verifica dei processi, ha portato alla definizione di procedure interne finalizzate a garantire la corretta esecuzione delle attività operative e il rispetto della normativa di legge e di settore, con l’obiettivo finale di garantire la soddisfazione del cliente.

L’applicazione della norma garantisce, infatti, che tutti i processi di produzione vengano realizzati secondo specifici standard e che tutte le fasi delle attività siano controllate e verificabili, con un continuo monitoraggio e miglioramento del servizio, per assicurare sempre maggiore affidabilità ed efficienza interna e verso la clientela.

“Siamo particolarmente soddisfatti di aver ottenuto questa certificazione che va a coprire tutti gli aspetti produttivi – ha dichiara l’AD di Numanova, Corrado Giancaspro -. Si tratta della prima adesione a uno standard di qualità che ci vedrà perseguire in futuro l’ottenimento di una serie di certificazioni per entrare in specifici settori quali aeronautico, medicale, automotive. La nostra azienda sta, infatti, bruciando le tappe in un settore innovativo come quello della stampa 3D e dei nuovi materiali. Attraverso la certificazione, dimostriamo di saper monitorare i processi interni e migliorare costantemente le prestazioni, al fine di offrire servizi di qualità sempre più elevata”.

COMUNICATO STAMPA 23 GENNAIO 2019

14Dic 2018

L’Assemblea degli Obbligazionisti del prestito “TerniEnergia Euro 25,000,000,00 notes due 2019 – Codice ISIN: IT0004991573”, riunitasi con la presidenza di Stefano Neri e agli atti del Notaio Adele Cesàro di Milano, in seconda convocazione, oggi 14 dicembre 2018 alle ore 11.00, ha visto la presenza di 133 obbligazionisti rappresentanti il 53,2% el prestito obbligazionario.

L’Assemblea ha deliberato in senso favorevole a tutte le materie all’ordine del giorno e, nello specifico:

  1. ha approvato l’allungamento della scadenza del prestito obbligazionario dal 6 febbraio 2019 al 30 settembre 2019, al fine di concedere alla Società il tempo necessario per poter addivenire alla sottoscrizione dell’accordo ex art. 67, comma terzo, lettera d), del R.D. del 16 marzo 1942, n. 267 (il “Piano di Risanamento e Rilancio“);
  2. per le medesime finalità di cui al punto 1. che precede ha approvato la modifica del regolamento del prestito obbligazionario con riferimento alla definizione di “Data di Pagamento degli Interessi” (“Interest Payment Date“) con esclusivo riferimento alla determinazione della data di pagamento degli interessi maturati nel corso dell’esercizio del 2018 prevedendo come nuova data il 30 settembre 2019 (impregiudicata la definizione di “Periodo di Calcolo degli Interessi” (“Interest Calculation Period“);
  3. ha deliberato la partecipazione degli obbligazionisti al Piano di Risanamento e Rilancio secondo le linee generali delineate al punto 2 (Principali contenuti del Piano di Risanamento e Rilancio) della relazione illustrativa sulle materie all’ordine del giorno dell’assemblea degli obbligazionisti redatta dall’Organo Amministrativo della Società e pubblicata in data 5 Novembre 2018 sul sito internet www.ternienergia.com, prendendo atto che lo stesso può essere oggetto di modifiche a seguito dell’evoluzione delle negoziazioni con il ceto creditorio, riservandosi, in ogni caso, di deliberare la sua approvazione e le modifiche al regolamento del prestito obbligazionario necessarie per renderlo conforme alle previsioni del Piano di Risanamento e Rilancio, come eventualmente modificato a seguito delle evoluzioni emerse nel proseguo delle negoziazioni con il ceto creditorio, in una successiva assemblea che si terrà una volta definiti i contenuti del Piano di Risanamento.
  4. preso atto della necessità manifestata di nominare un rappresentante comune degli Obbligazionisti, al fine di, inter alia, agevolare in futuro i rapporti con gli obbligazionisti stessi e rappresentare i loro interessi nell’ambito della negoziazione e implementazione del Piano di Risanamento e Rilancio, ha approvato la nomina dell’avv. Marzio Molinari dello Studio Russo De Rosa Associati quale rappresentante comune degli obbligazionisti per anni 3, determinandone il relativo compenso in Euro 10.000 per anno, più una succes fee di Euro 65.000 da corrispondersi entro il 2019 in caso di sottoscrizione dell’accordo in esecuzione del Piano di Risanamento e Rilancio.

Il verbale dell’Assemblea degli Obbligazionisti e il rendiconto sintetico delle votazioni, saranno messi a disposizione del pubblico entro il termine stabilito dalle vigenti disposizioni normative.

Il Presidente di TerniEnergia Stefano Neri ha commentato: “La delibera positiva da parte dell’Assemblea degli Obbligazionisti è un importante segnale di fiducia nei confronti del Piano di Risanamento e Rilancio del Gruppo, individuato dal management. Siamo convinti del fatto che nel medio termine, a seguito del turnover industriale e operativo indicato dal Piano di Risanamento e Rilancio, il Gruppo riprenderà a creare valore in settori altamente competitivi e di grande prospettiva come la digital energy e l’hi-tech. La fiducia che ci hanno accordato gli Obbligazionisti rappresenta un importante stimolo per accelerare l’attuazione del Piano di Risanamento e Rilancio, che permetterà al Gruppo di recuperare efficienza e redditività. Si tratta, inoltre, di un decisivo segnale verso gli azionisti, il ceto bancario e gli altri stakeholders della capacità di reazione del management e della Società per il raggiungimento dell’equilibrio finanziario. Siamo fortemente impegnati a creare le condizioni per cogliere le opportunità offerte dalla digital transformation nell’energia e nell’efficienza energetica, settori consolidati di attività del Gruppo, e nei comparti della mobilità e dei trasporti, delle smart city e dell’automazione per la sostenibilità industriale”.

Per la redazione del summenzionato Piano di Risanamento e Rilancio, TerniEnergia è assistita da KPMG Advisory SpA in qualità di advisor finanziario. DLA Piper assiste la Società in qualità di advisor legale.

 

 

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

Comunicato-stampa_TE-ASSOBB-14-12-2018

13Dic 2018

Numanova, società del Gruppo Italeaf specializzata nella produzione di polveri metalliche utilizzate come materia prima nella fabbricazione additiva (o stampa 3D) annuncia l’avvio della propria attività industriale nello stabilimento di produzione di Nera Montoro (Narni). E’, infatti, in corso di completamento la prima commessa di produzione di polveri in titanio grado 23 per applicazioni speciali nel settore aeronautico e spaziale e per la stampa 3D, che sarà consegnata ad un trader specializzato per la commercializzazione finale.

Si tratta di una produzione innovativa che utilizza l’Argon in fusione per gas-atomizzazione, come gas inerte di processo per la produzione e la lavorazione delle polveri metalliche di altissima qualità.

Con le prime colate a regime effettuate nello stabilimento di Nera Montoro entra in funzione l’impianto EIGA (Electrode Induction-melting Inert Gas Atomization), che consente un processo avanzato per la produzione di polveri metalliche da leghe di titanio, alluminio, materiali refrattari, ceramici e leghe preziose per applicazioni speciali e Manifattura Additiva.

Numanova dispone della più avanzata e robusta tecnologia di gas-atomizzazione per la produzione di polveri metalliche presente oggi sul mercato internazionale, basata (a regime) su 2 impianti con produttività installata fino a 800t/anno. Il processo consiste nella polverizzazione in finissime goccioline di un flusso controllato di metallo fuso, grazie ad un getto di Argon ad alta pressione. Solidificandosi, le goccioline formano una polvere micrometrica altamente sferica. A partire da queste leghe in polvere, dopo un attento e rigoroso processo di vagliatura, certificazione e qualifica del proprio prodotto, Numanova è in grado di fornire al mercato una vasta gamma di polveri metalliche per la fabbricazione additiva di parti con geometrie complesse dotate di nuove funzionalità (ad esempio, per la fabbricazione di protesi nel settore biomedicale, di componenti turbina nel settore aeronautico ed energetico, nell’industria del lusso).

COMUNICATO STAMPA 13 DICEMBRE 2018

 

04Dic 2018

TerniEnergia, smart company quotata sul MTA di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, comunica che Softeco Sismat, digital company del Gruppo, coordinerà il progetto e-Scale per lo sviluppo di soluzioni innovative per i nuovi operatori del mercato elettrico, in particolare gli “Aggregatori di risorse flessibili” (Balancing Service Provider).

Il progetto e-Scale è co-finanziato dalla Regione Lazio per complessivi Euro 258mila, dei quali Euro 138mila come quota parte relativa alle attività svolte dalla stessa Softeco. In data odierna è stato sottoscritto l’atto costitutivo dell’Associazione temporanea di scopo (ATS) tra la stessa Softeco, Roma Gas & Power e l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, che sono i partner dell’attività di ricerca.

Il progetto porterà allo sviluppo e alla validazione in ambito operativo di una soluzione per il BSP (Balancing Service Provider), che permetterà la gestione flessibile ed ottimale di “Virtual Power Plant” (VPP) con sistemi di generazione, consumo e accumulo, ottimizzando l’uso delle risorse rinnovabili e diminuendo i costi per la collettività.

La partecipazione nel progetto di un operatore di mercato come Roma Gas & Power permetterà di validare le soluzioni in un contesto operativo e commerciale concreto, in modo da produrre risultati capaci di accedere rapidamente alla fase di industrializzazione e commercializzazione.

La fornitura di servizi al sistema elettrico tramite aggregazione è, infatti, uno dei modi principali per supportare in modo concreto la crescita della generazione da fonte rinnovabile, incrementando la flessibilità del sistema elettrico come richiesto dalle recenti evoluzioni della normativa europea ed italiana.

Con il coordinamento di questa nuova iniziativa Softeco Sismat arricchisce ulteriormente un bouquet di progetti di R&D inseriti nel contesto della transizione energetica, confermando il proprio ruolo di riferimento per attività di ricerca ad alto valore aggiunto sui temi della digital energy.

 

 TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi del mese e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

Comunicato-stampa_TE-RED-04-12-2018

01Dic 2018

TerniEnergia, smart company quotata sul MTA di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, facendo seguito ai comunicati stampa diffusi in data 7 settembre 2018 e in data 30 ottobre 2018 (ai quale si rimanda), rende noto che – al termine ultimo per la closing-date (30 novembre 2018) per l’acquisizione da parte di GIL Capital Ltd di una newco denominata “TerniEnergia Progetti Srl”, nella quale è confluito il perimetro del ramo di azienda EPC (engineering, procurement, construction e commissioning) di impianti fotovoltaici di TerniEnergia – l’operazione di cessione non è stata perfezionata per non essersi tempestivamente verificate le condizioni al closing.

TE-COS_TE-PRO-01-12-2018(IT)

30Nov 2018

Italeaf: Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2018

NAV pari a Euro 17,4 milioni. Ebitda pari a Euro 0,84 milioni. Risultato netto pari a Euro -0,1 milioni.

  • I ricavi ammontano a Euro 2,1 milioni (Euro 16,4 milioni nel bilancio consolidato)
  • L’EBITDA pari a Euro 0,83 milioni (Euro 1,2 milioni nel bilancio consolidato)
  • L’EBIT è pari a Euro 0,5 milioni (Euro -2,5 milioni nel bilancio consolidato)
  • L’EBT ammonta a Euro 0,5 milioni (Euro -2,5 milioni nel bilancio consolidato)
  • Risultato netto pari a Euro -0,1 milioni (Euro -4,5 milioni nel bilancio consolidato)
  • Patrimonio netto pari a Euro 27,7 milioni (Euro 24 milioni nel bilancio consolidato)
  • PFN di Euro 17,6 milioni (Euro 77,5 milioni nel bilancio consolidato)
  • NAV pari a Euro 17,4 milioni circa; NAV per azione Euro 1,01

 

Il consiglio di amministrazione di Italeaf, holding di partecipazione e primo company builder italiano, attiva nei settori cleantech e smart innovation, quotata al Nasdaq First North, ha approvato oggi il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2018.

 

Dati economici e finanziari di sintesi*

Financial highlights*

  Al 30 settembre 2018 Al 30 settembre 2017 Variazione %
In Euro
Ricavi netti delle vendite e delle prestazioni 2.075.617 2.654.574 -21,8%
EBITDA 830.747 592.481 +40,2%
EBIT 468.435 133.441 n.a.
EBT (Risultato ante imposte) -130.169 -355.666 -63,4%
Risultato netto  -114.558 -265.918 -56,9%
    Al 31 dicembre 2017  
Patrimonio netto 27.737.869 27.803.967 -0,2%
Posizione finanziaria netta complessiva 17.577.517 16.878.275 +4,1%

*Resoconto intermedio di gestione separato redatto secondo i principi contabili ITALIAN GAAP

 

Il NAV di Italeaf è pari a Euro 17,4 milioni al 30 settembre 2018 (-27,8%; Euro 24,1 milioni al 31 dicembre 2017); Nav per azione Euro 1,01.

Il Resoconto intermedio di gestione al 30 Settembre 2018 in versione completa e in lingua inglese sarà pubblicato sul sito internet della Società www.italeaf.com e diffuso su West Corporation InPublic | Release Publishing.

Comunicato-stampa_3Q2018_30-11-2018+IR3Q2018

23Nov 2018

TerniEnergia, smart company quotata sul MTA di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, facendo seguito al comunicato stampa diffuso in data 23 luglio 2018 (al quale si rimanda), rende noto che è stato sottoscritto l’atto di cessione definitivo di un ramo d’azienda relativo a un intervento di efficienza energetica a seguito dell’avveramento delle condizioni sospensive previste dall’accordo sottoscritto con Estra Clima Srl, società del Gruppo Estra. Contestualmente, è stato stralciato dall’accordo un secondo ramo d’azienda rappresentato da un intervento di efficienza energetica illuminotecnica, realizzato per conto di un Comune toscano, per il quale detta Amministrazione municipale non ha fornito l’assenso formale alla cessione del contratto a Estra Clima Srl.

Il ramo d’azienda ceduto è costituito da un contratto di efficienza energetica illuminotecnica, con la formula FTT (finanziamento tramite terzi) del tipo project financing, per conto di un’Amministrazione comunale toscana, inerente la sostituzione di punti luce tradizionali con nuovi punti luce LED di ultima generazione e la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti per anni 16.

Il corrispettivo finale dell’operazione è, di conseguenza, pari a Euro 0,7 milioni circa, al lordo dei debiti commerciali pari a circa Euro 0,27 milioni, nonché del valore di alcuni lavori da eseguire a carico di Estra Clima per circa Euro 0,17 milioni.

Per TerniEnergia il completamento dell’operazione rappresenta un nuovo, rilevante tassello del Piano di risanamento e rilancio approvato dal CDA in data 25 ottobre 2018.

 

 

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è il primo abilitatore tecnologico globale italiano, impegnato a portare nel mondo soluzioni energetiche e per il recupero efficiente delle risorse, integrate e sostenibili. Organizzata in due linee di business strategiche (Assets e Smart solutions and services), con oltre 300 dipendenti e una presenza geografica con sedi operative e commerciali in quasi tutti i Continenti, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica, le reti, la smart mobility, l’automazione industriale, il recupero di risorse marginali.

TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries (Softeco Sismat, Greenled Industry, GreenAsm, Purify, Wisave, Ant Energy), persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti, con innovative soluzioni digitali.

TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici.

TerniEnergia, da leader del mercato internazionale fotovoltaico, ha completato la sua trasformazione in smart energy company e abilitatore tecnologico per l’uso sostenibile delle risorse, attraverso una completa offerta commerciale di soluzioni, lo sviluppo e fornitura di tecnologie digitali e la realizzazione di servizi e soluzioni “intelligenti” rivolte a clienti pubblici e privati nei settori emergenti.

TerniEnergia è quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana.

Comunicato-stampa_TE-ENSAV_23-11-2018

06Nov 2018
  • Tra i capisaldi del Piano di risanamento e rilancio di TerniEnergia c’è la fusione per incorporazione di Softeco, al termine del processo di alienazione degli asset
  • Nell’evento corporate di Genova “Bits and Energy: cogliere le opportunità della Digital Energy per una crescita sostenibile” presentato il riposizionamento del Gruppo
  • L’operazione straordinaria programmata completa la trasformazione in “one smart company” e introduce sul mercato il primo abilitatore tecnologico per la transizione energetica e la trasformazione digitale

 

TerniEnergia, smart company quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, e la digital company Softeco hanno organizzato oggi a Genova il workshop “Bits and Energy: le opportunità della Digital Energy per una crescita sostenibile”, ospitato nella sala Auditorium dell’Acquario del capoluogo ligure.

Durante l’evento il presidente di TerniEnergia e Softeco, Stefano Neri, ha presentato alcuni aspetti qualitativi del Piano di Risanamento e Rilancio approvato dal CDA della stessa TerniEnergia in data 25 ottobre 2018. In particolare, il presidente Neri si è soffermato sulle opportunità di turnaround industriale nel settore energetico, che culminerà con la fusione per incorporazione di Softeco Sismat Srl in TerniEnergia, a fine 2019 all’esito del programma di alienazioni, per favorire l’ingresso nel settore hi-tech e digital energy.

La programmata fusione TerniEnergia-Softeco – ha affermato Stefano Neri – completa la trasformazione in “one smart company” e introduce sul mercato il primo abilitatore tecnologico per la transizione energetica e la trasformazione digitale. I razionali dell’operazione sono di carattere societario, consentendo a TerniEnergia, al termine del processo di alienazione, di essere attiva sul mercato come una società operativa e non come holding finanziaria; di business, permettendo la piena valorizzazione delle competenza di Softeco nello sviluppo di tecnologie digitali sempre più avanzate per l’intera filiera dell’energia, dalla produzione alla vendita, fino al consumo finale; e infine di tipo economico-finanziario, grazie all’opportunità di ottimizzare i processi decisionali e l’efficienza gestionale (societaria, contabile ed amministrativa), con una conseguente maggiore razionalizzazione dei costi”.

Il presidente Neri, inoltre, ha definito i criteri strategici alla base della programmata fusione, evidenziando come la stessa, nell’ambito del Piano di Risanamento e Rilancio, conferirà al Gruppo il ruolo di polo attrattivo per incumbent non quotati del settore digital energy, per piccole e medie imprese innovative nei segmenti informatico ed energetico e per centri di ricerca e sviluppo. Inoltre, nei programmi di TerniEnergia l’operazione straordinaria permetterà di dare la spinta a processi di internazionalizzazione e apertura al mercato dei capitali.

Completando il processo di uscita dal settore “Utility Rinnovabili” – ha concluso Stefano Neri – TerniEnergia, pienamente integrata con Softeco, non sarà più una società contraddistinta da attività capital intensive e da elevato livello di indebitamento. Con la fusione accompagneremo l’ingresso della Società nel performante settore del Digitale, trasversalmente nei comparti Serviti IT e Software. Ciò, ne nostri programmi, comporterà un conseguente incremento dei multipli utilizzati per l’analisi del valore strategico dell’azienda e un aumento dell’interesse degli investitori specializzati nel settore digitale”.

Al convegno hanno preso parte il Sindaco di Genova, Marco Bucci, il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che hanno anticipato con interventi di istituzionali, i contributi del Presidente di Confindustria Genova, Giovanni Mondini, di Marcello Capra, Delegato SET Plan del Ministero dello Sviluppo economico, di Marco Carta, Chief Business Development Officer e Director of Utilities and Renewables R&A di Agici dell’Università Bocconi, di Laura Bizzarri, Amministratore delegato di Softeco, e di Paolo Verna, Founding Partner di EnVent Capital Markets Ltd.

 

Le presentazioni di Laura Bizzarri e di Stefano Neri sono state pubblicate in data odierna sul sito internet della Società www.ternienergia.com e sul meccanismo di stoccaggio autorizzato 1Info all’indirizzo www.1info.it, nonché diffuse allegate al presente comunicato.